Belladonna: cos’è questa pianta, qual è l’uso e l’applicazione di

Belladonna: cos'è questa pianta, qual è l'uso e l'applicazione di
Questa bella pianta preferisce crescere in piccole piantagioni o singolarmente. Tutta la misteriosa storia della sua esistenza è accompagnata da voci e finzioni, verità e bugie, grande bene e grande danno. Si tratta di belladonna, o belladonna.

descrizione

Ci sono molte leggende e leggende su questa pianta, che unisce una cosa: la pianta è tossica, ma può essere trattata in piccole dosi. belladonna – Significa “bellezza”. E non c’è da meravigliarsi – gli aristocratici dell’antica Roma usavano la sua tintura per allargare le pupille e rendere l’espressione più espressiva, o mettere le guance per un rossore “naturale”.

Ti consigliamo di familiarizzare con le 10 piante utili più popolari.

Una storia mistica di esso iniziò nell’antica Grecia. Secondo la leggenda, tre persone – la dea del destino – erano responsabili della durata del filo della vita umana. La più grande di loro, Atropa, la tagliò senza pietà. Quindi in un titolo sono stati combinati concetti incompatibili: Atropa belladonna – “morte” e “bellezza”.
descrizione
Questa pianta perenne è sempre stato avvolto nel mistero, pozioni considerate streghe, pozioni magiche guaritori. E la successione dei suoi nomi che confermare la cattiva gloria – beshenitsa, Wolfberry, la belladonna, bacca nemitsa del diavolo, ciliegio pazza, sonnifero, belladonna.

Esternamente è un arbusto con uno stelo verde (a volte ha un colore viola), la sua altezza – 1-1,5 m, apparato radicale molto forte, foglie verdi di forma conica, fiori grandi (circa 3 cm), forma allungata viola campane colore. Le bacche sono nere, all’interno sono divise in due metà, riempite di semi, succo, come inchiostro.

Esteriormente assomigliano a piccole ciliegie. Belladonna appartiene alla famiglia delle Solanacee.

Fiorisce da maggio a luglio, le bacche maturano a settembre. È allora che vengono raccolti quando diventano pienamente maturi. Nella belladonna, non solo le bacche sono velenose, ma tutte le parti della pianta – stelo, radici, foglie e persino fiori. Ci sono casi di avvelenamento da miele della belladonna.

Maggiori informazioni sulle pericolose piante velenose.

Composizione chimica

Il componente principale della belladonna è l’alcaloide tropano (atropina, atropamina, scopolamina, iosciamina, belladonina).
Composizione chimica
Il loro contenuto può essere:

  • nelle foglie – 0,30-1,10%;
  • a gambi – 0,11-1,15%;
  • nei fiori – 0,30-0,53%;
  • nei frutti – 0,16-0,35%;
  • nelle radici – 0,21-1,10%.

Se vieni avvelenato

La belladonna, o belladonna, è facile da confondere con una ciliegia selvatica. È vero, il suo gusto è dolce, senza acidità. Ma le conseguenze possono essere fatali: avvelenamento grave si verifica se un bambino mangia solo 2-3 bacche e un adulto – 10-20 bacche.

Per piante velenose che hanno proprietà medicinali, anche includono: bedstraw morbido, Sambucus racemosa, cocklebur, pastinaca mucca, legno-mat, Cypress spurge, Roveto Ardente, Corydalis, bobovnik, consolida, aconito lupo, globo europeo e Dodder.

Pertanto, il consiglio non è bacche sconosciute sono rilevanti come sempre. Soprattutto perché il succo di belladonna lasciato sulle mani può anche ferire toccando il viso, la bocca o gli occhi.
Se vieni avvelenato

Sintomi di avvelenamento

Poiché l’intera pianta è velenosa, è possibile avvelenarne una parte. Il più delle volte, l’avvelenamento si verifica quando si mangia bacche. Puoi essere avvelenato mangiando la belladonna come parte di tinture, unguenti, decotti o usando medicine, di cui krasavka fa parte. Il sistema parasimpatico e il sistema nervoso centrale sono interessati.

I sintomi iniziano ad apparire 15-20 minuti dopo l’ingestione:

  1. uno spasmo alla gola;
  2. respiro affannoso;
  3. mucosa orale secca;
  4. perdita della voce;
  5. gli alunni aumentano e cessano di rispondere alla luce;
  6. temperatura elevata;
  7. desiderio di bere, nausea, vomito;
  8. una significativa riduzione degli sprechi di urina e una diminuzione dell’attività intestinale;
  9. bassa pressione;
  10. il numero di battiti cardiaci aumenta a 140-150 al minuto;
  11. mancanza di respiro;
  12. colore delle labbra e delle mucose – blu;
  13. perdita di orientamento nello spazio;
  14. ansia da motore, crampi, perdita di memoria. Allora la persona cade in uno stato assonnato, c’è un ritardo;
  15. confusione, allucinazioni. L’avvelenamento assomiglia a una psicosi acuta.

Sintomi di avvelenamento

Lo sai? Belladonna è inclusa nelle tossine vegetali TOP-10, classificandosi ottava in questa lista.

Primo soccorso

La prima cosa da fare è chiamare un’ambulanza. Ma puoi aiutare te stesso paziente:

  1. Risciacquare lo stomaco – una soluzione debole di permanganato di potassio, acqua bollita (o soluzione acquosa leggermente salata). La procedura è meglio fare più volte.
  2. È possibile offrire il carbone attivo interessato alla velocità di 1 compressa per 10 kg di peso. Il carbone è meglio macinare e mescolare con acqua. Questa soluzione deve essere bevuta.
  3. Con un significativo aumento della temperatura, si consiglia di fasciare con lenzuola bagnate, asciugandosi con asciugamani umidi. Puoi applicare del ghiaccio sulla tua testa.
  4. Con una forte eccitazione, viene mostrato Corvalol o Valocordin.

Trattamento per avvelenamento

L’appello ai medici è obbligatorio. Dopotutto, solo un medico può valutare le condizioni del paziente (può sembrare solo facile), determinare le modalità di trattamento, la sua urgenza e il volume.

In ospedale, necessariamente lavanda gastrica, l’introduzione di un antidoto (soluzione all’1% di “Pilocarpina”, una soluzione di “Proserin” allo 0,05% o soluzione all’1% di “Ezerina”). L’antidoto viene somministrato per via sottocutanea. Vengono anche rimossi i sintomi dell’eccitazione mentale.

Se la funzione respiratoria è interrotta, ma una persona può respirare, utilizzare una maschera di ossigeno. Se il paziente non riesce a respirare da solo, è collegato al ventilatore.
Sintomi di avvelenamento
Riposo minimo per una settimana e riposo a letto.

Lo sai? Il pretendente nel Medioevo era usato non solo in medicina o nella fabbricazione di pozioni magiche. I guerrieri inumidivano l’arma fredda con succo di belladonna, e poi anche un piccolo graffio poteva rivelarsi fatale.

billetta

Non esiste alcuna raccolta industriale di questa pianta, anche nei tempi sovietici la belladonna è stata inclusa nel “Libro rosso” dell’Ucraina. Krasavka cresce principalmente nelle foreste di faggio dell’Ucraina occidentale, che vengono abbattute senza pietà. E insieme a loro anche questa pianta scompare. Nel complesso medico vengono raccolte solo le radici e le foglie. La raccolta di piante è solo manuale.

Foglie raccolte durante il periodo di fioritura (giugno, luglio). È auspicabile cronometrare l’inizio del raccolto su una luna piena – quindi la pianta manifesterà pienamente tutte le sue proprietà.
billetta
Come la pianta cresce da una pianta, le foglie possono essere pizzicate più volte – da due a cinque. Il tempo delle radici è l’autunno, la seconda metà di ottobre, novembre, quando la pianta “si addormenta”. Puoi preparare le radici all’inizio della primavera (fine marzo, aprile), quando il flusso della linfa non è ancora iniziato. Le radici sono scavate con una pala, la terra è scossa da loro, sono tagliate (se il rizoma è spesso, tagliato in lunghezza), lavato sotto l’acqua fredda.

La pianta, le cui radici sono state scavate, deve avere almeno due anni. Le foglie sono pre-cerate, quindi asciugate in un ambiente ben ventilato, privo di luce solare diretta – per esempio, all’ombra, sotto un baldacchino o in un attico. La temperatura dovrebbe essere 30-40 ° C, aumentandola gradualmente fino a 60 ° C.

La materia prima viene stesa in uno strato sottile e lasciata asciugare completamente. Le radici vengono macinate in pezzi lunghi 10-15 cm, essiccate sotto una tettoia o in una stanza riscaldata. Le materie prime macinate sono confezionate in sacchi da 10, 25, 50 e 100 kg. Periodo di validità delle foglie è di 2 anni, radici – 3.

Importante! Quando si prepara la belladonna è importante osservare le tecniche di sicurezza – tutto il lavoro deve essere fatto con i guanti, le mani non devono toccare il viso, gli occhi, le aree aperte del corpo.

Proprietà curative

A proposito, il famoso consiglio di trattare un simile come nel caso della belladonna. Questa pianta velenosa può beneficiare in questi casi:

  • rimozione di spasmi di muscoli lisci;
  • miglioramento del cuore;
  • diminuzione della pressione intraoculare;
  • anestesia della colica renale, sintomi di colelitiasi, ulcere gastriche e ulcere duodenali;
  • diminuzione del tono dell’utero, bronchi;
  • normalizzazione della peristalsi intestinale;
  • quando si tratta di una tosse protratta;
  • con eccessiva sudorazione in pazienti con tubercolosi;
  • per l’espansione degli alunni in oftalmologia.

Proprietà curative
In omeopatia, la belladonna è un rimedio popolare e preferito. Con il suo aiuto puoi alleviare la condizione o sbarazzarti di:

  • febbre acuta;
  • mal di gola;
  • l’influenza;
  • per fermare le fasi iniziali dell’ascesso;
  • infezioni dell’orecchio;
  • mal di testa pulsante;
  • convulsioni nei bambini ad alta temperatura;
  • dolore con la dentizione;
  • quando vomita dallo spavento o dal nervosismo.

In passato era usato contro la rabbia. Belladonna ampiamente usato e nella medicina popolare.

  1. broncospasmo. Le foglie essiccate di belladonna macinano in polvere, prendete la punta del coltello. Assumere tre volte al giorno per mezz’ora prima dei pasti, lavare con acqua. Il corso del trattamento è di una settimana.
  2. Aumento della sudorazione. La raccolta di belladonna, menta, valeriana e motherwort è mescolata in proporzioni uguali (1 cucchiaino). Quindi versare 750 ml di acqua bollente e insistere per 3-4 ore. L’infusione richiede 1 cucchiaino 2 volte al giorno.
  3. Dalla frequenza cardiaca lenta (bradicardia). Per cucinare, è necessario un mughetto di maggio (2 cucchiai), valeriana (1 cucchiaio), belladonna e mentolo (2 cucchiaini). Questa miscela di erbe viene posta in un contenitore di vetro, versare 1 litro di vodka, lasciare in un luogo buio per un mese. Prendi 3 gocce al giorno per 30 gocce. Conserva la tintura in un luogo fresco.
  4. Morbo di Parkinson. Unire la tazza di caffè di carbone attivo triturato con 30 g di radici a campana asciutte, 3 bicchieri di vino bianco secco. Questa miscela deve essere bollita a fuoco basso per 8-10 minuti, scolare. Assumere 1 cucchiaino 3 volte al giorno per mezz’ora prima dei pasti.
Importante! Quando si utilizza la belladonna per scopi medicinali secondo le ricette della medicina tradizionale, è necessario consultare i medici e continuare il trattamento solo dopo le raccomandazioni del medico.

Indicazioni per l’uso

  • Colica renale e biliare, bradicardia, crampi del dotto biliare e intestinale, colite, gastrite, ulcera gastrica, colangite – “Atropina solfato”, compresse da 0,0005 g.
  • Distonia vegeto-vascolare, aumento dell’eccitabilità, spasmi del tratto gastrointestinale – tintura di nipote.
  • Asma bronchiale, bronchite “Solutan” (un preparato combinato contenente estratti di radici belladonna), “Collezione anti-asmatica” (belladonna, giusquiamo e droga).
  • Malattie del tratto urinario e dell’intestino – “Urobesal”.
  • Morbo di Parkinson, mal di mare, sindrome di astinenza – “Scopolamina bromidrato”, iniezione allo 0,05%.
  • Trattamento delle emorroidi – candele “Anuzol”, Betiol, candele con estratto di belladonna.
  • Artrite, artrosi preparazione omeopatica “Belladonna”.
  • Prostatite candele con estratto di belladonna.

Indicazioni per l'uso

Lo sai? Belladonna aiutò gli scozzesi a sconfiggere i danesi: mischiarono birra con succo di belladonna e la lasciarono ai danesi. “Celebrando la vittoria”, divennero irremovibili e gli astuti Celti sconfissero facilmente l’esercito insensibile.

Controindicazioni e danni

Comunque, la belladonna è un veleno molto forte. Ma ci sono sempre categorie di persone nel trattamento di malattie o sollievo della condizione di cui la belladonna è semplicemente controindicata:

  • donne in gravidanza e in allattamento;
  • gli anziani;
  • il glaucoma;
  • tachicardia;
  • aritmia;
  • cardiopatia ischemica, aterosclerosi e altre malattie organiche del sistema cardiovascolare;
  • logoramento.

Controindicazioni e danni

Il sistema cardiovascolare è benefico: elleboro, calendula, origano, albicocca, ribes e mele verdi.

Belladonna è come un’arma a doppio taglio. Può essere colpita da un nemico (malattia) ed è possibile, per negligenza o ignoranza, “farsi male”. I concetti chiave qui sono conoscenza e abilità.