Come prendersi cura del fico del Bengala in casa

ficus bengali
Non permettiamo a tutti di avere un vero miracolo sempreverde di tre metri in casa. Ma negli uffici di queste piante si sentono bene e sembrano lussuosi. Ma a casa puoi coltivare il baniano, se te ne prendi cura correttamente. Oggi considereremo come prenderci cura del ficus del Bengala.

Descrizione botanica e foto

Ficus bengali (Fícus benghalénsis) è un rappresentante del genere Mulberry. In condizioni naturali, cresce in regioni come il Bangladesh, lo Sri Lanka e l’India. In natura può coprire un’area di diverse centinaia, e la corona di questa pianta può coprire cinquecento metri.

Lo sai? A casa, Ficus Bengali è considerato un simbolo di eternità. Sono incoraggiati a decorare templi e alloggi. E lascia fare capannoni e coprire i tetti.

Che aspetto ha il ficus bengalese?

Questo albero si distingue per uno specifico stile di vita, che è anche chiamato “banyan”. Lo stadio iniziale della formazione del baniano si basa sull’apparizione sugli eroici rami in crescita orizzontale del sistema di radici sospese. Radice multipla, non ricoperta di peli. Il loro sviluppo è rallentato. Dopo un certo tempo, la maggior parte delle radichette si seccano e non toccano più il suolo.

ficus bengali

La parte restante del complesso di radici disperse nell’aria raggiunge ancora il terreno e può attecchire. Di conseguenza, la parte sospesa passa attraverso il palcoscenico di ispessimento rinforzato e tronchi di forme.

I frutti arancioni crescenti sull’albero sono cibo per animali e uccelli, che diventano i principali distributori di semi e servono come aiutanti nella propagazione della pianta

Scopri di più su ficchi come il Benjamin Ficus, la gomma e la micro carpa.

Banyan si distingue per la sua grande crescita – fino a 40 metri, e la sua corona può essere diffusa fino a 610 m.

Anche le foglie della pianta spiccano – fino a 25 cm di lunghezza. La forma è ellittica, ovale, allungata. Sulla superficie coriacea ci sono succose vene verde chiaro.

ficus bengali

L’albero fiorisce sotto forma di sikonium.

Secondo il tasso di crescita, la pianta è considerata uno dei rappresentanti più veloci della flora, poiché la crescita in un anno è di 60-100 cm.

Distribuzione e madrepatria

I luoghi nativi del ficus del Bengala sono la giungla. Pertanto, in condizioni naturali può essere trovato in India, Tailandia, Birmania, Malesia e Cina meridionale. La pianta cresce verso l’alto e in largo, dominando vasti territori.

ficus bengali

La crescita del baniano continua all’infinito, mentre le giovani radici raggiungono il terreno, si depositano e formano nuovi alberi.

A casa, è quasi impossibile riprodurre questo fenomeno. E coloro che hanno deciso di fare un passo in tal senso, dovranno fare un sacco di sforzi e fare scorta della perseveranza e della stanza piuttosto grande, in cui sarà necessario creare un clima tropicale.

Come scegliere una pianta al momento dell’acquisto

All’albero sono piaciuti i proprietari in futuro e non hanno avuto problemi di cura, è importante conoscere le regole di base della selezione delle piante:

ficus bengali

  • Non dovresti comprare ficus quando fa freddo. L’adattamento durante questo periodo è abbastanza difficile.
  • Non puoi scegliere una grande pianta. Più un albero è maturo, più è difficile adattarsi alle nuove condizioni.
  • I germogli sani possono essere testati in questo modo: leggermente scuotere e picchiettare contro le foglie. Se le foglie cadono (2 o più), allora questo albero non dovrebbe essere preso.
  • Le radici della pianta non dovrebbero essere nere o marrone scuro.
Importante! Nei negozi, le foglie del ficus possono essere lucidate. Pertanto, dopo l’acquisto di tali alberi, è meglio lavarli sotto la doccia.

Dove collocare il ficus bengalese: condizioni

Il Ficus Bengali è considerato una delle specie più popolari del suo genere, coltivato in casa. Tuttavia, molto spesso questa pianta viene coltivata in ampi uffici e atrii. Dopo tutto, nel corso degli anni del suo sviluppo, persino un albero di casa cresce fino al soffitto.

Condividiamo i segreti del successo della coltivazione di piante in casa: aymymene, aspidistra, calla, crocus, lithops, coleria, hamedorei, fuso, ruzzolosa, corbezzolo.

Illuminazione e posto

Scegliendo il luogo in cui dovrebbe collocare il ficus, dovrebbe prestare attenzione al lato soleggiato della stanza. Tuttavia, non lasciare che i raggi del sole cadano sulle foglie, in quanto possono essere bruciati. Cioè, la luce dovrebbe essere brillante, ma diffusa.

ficus bengali

Il Ficus dovrebbe essere posto sul lato occidentale o orientale. Se tale luogo non viene trovato, allora nella direzione sud avrà bisogno di ombreggiatura.

Umidità e temperatura

Fukus non accetta i cambiamenti di temperatura. Per lo sviluppo in primavera e in estate, la pianta avrà bisogno di una temperatura di + 18-26 ° C, e in autunno e in inverno – non inferiore a + 17 ° C. Se l’albero è freddo, inizierà a piegare le foglie.

Importante! I baniani non tollerano le bozze, quindi questo momento deve essere controllato.

Il ficus ha bisogno di umidità. Il livello ottimale è 60-70%. Per mantenere il livello desiderato, la massa fogliare viene spruzzata una volta alla settimana. Nella stagione fredda, quando gli apparecchi di riscaldamento funzionano, l’irrorazione diventa particolarmente rilevante.

ficus bengali

Inoltre, le foglie dovrebbero essere regolarmente pulite con un panno morbido umido o una spugna, rimuovendo la polvere accumulata. Inoltre, qualsiasi altro modo per aumentare l’umidità dell’aria non sarà superfluo.

Terreno per la pianta

Ficus ama terreni fertili e friabili. Puoi acquistare un mix pronto nel negozio e puoi preparare tu stesso la miscela del terreno. Dovrebbe includere tali componenti:

ficus bengali

  • terreno di torba – 1 parte;
  • tappeto erboso – 1 parte;
  • foglio di terra – 1 parte;
  • sabbia – ½ parte;
  • carbone (piccolo).

Sarà bello sentire la pianta in una miscela di terra (1 parte), foglia (1 parte) di terra e sabbia.

Prima di piantare il terreno (sia comprato nel negozio, sia cotto) deve essere bruciato nel forno. Tale procedura è necessaria per prevenire la contaminazione e la distruzione di parassiti.

Il terreno deve essere ben drenato. Nella parte inferiore puoi posizionare l’argilla espansa.

Impara come irrigare i ficus a casa.

Ficus Bengali: assistenza domiciliare

Per l’albero aveva un aspetto decente, dovrebbe essere attentamente curato. Conoscendo le sottigliezze individuali, chiunque può crescere a casa un bellissimo rappresentante esotico della flora.

ficus bengali

Come innaffiare

Innaffia il ficus regolarmente e abbondantemente. Inumidisci il terreno mentre lo strato superiore si asciuga a una profondità di 2-3 cm con acqua tiepida e tiepida. La procedura viene ripetuta all’incirca ogni 3-4 giorni.

Importante! Riempire il ficus è impossibile, e l’acqua rimanente dopo 20-30 minuti deve essere scaricata dal pallet. L’umidità stagnante è piena di radici in decomposizione e lo sviluppo di malattie fungine.

La pianta deve essere irrigata sia in estate che in inverno (una volta alla settimana) – il ficus non ha un periodo di riposo espresso.

Che a fertilizzare

Alimentare l’albero in estate, durante lo sviluppo attivo, ogni 2-3 settimane. Per questo, i fertilizzanti universali possono essere utilizzati in granuli ad alto contenuto di azoto. Puoi anche usare fertilizzanti organici.

ficus bengali

In inverno, la pianta riposa, quindi non dovrebbe essere concimato più di una volta ogni due mesi. Per fare questo, utilizzare la medicazione superiore per le piante non in fiore.

In ogni caso, prima di concimare, il fertilizzante viene precedentemente disciolto in acqua e viene utilizzata solo una concentrazione debole.

Come tagliare

Una delle procedure principali per la cura della pianta. Ti permette di dare all’albero una forma più decorativa e compatta:

  • sferico;
  • nella forma di un cespuglio;
  • a più livelli;
  • Bonsai.

ficus bengali

Puoi anche modellare una scultura.

Ritaglia la pianta in primavera o all’inizio dell’estate, osservando tali regole:

  • la forma deve essere naturale;
  • è meglio indovinare in anticipo come si tratterà l’albero dopo il taglio;
  • Uno strumento sterile è un impegno per la salute dei ficus;
  • Il taglio viene eseguito ad un angolo rispetto al bordo.
Lo sai? Nell’antica Cina, si consiglia di mettere un contenitore con un fico nella camera da letto. Questa pianta è incline non solo a purificare l’aria, ma anche a normalizzare il sonno.

Quando e come trapiantare

Il primo trapianto di ficus viene eseguito immediatamente dopo l’acquisizione. Se la pianta ha scartato le foglie, la procedura deve essere posticipata di 10-14 giorni fino a quando l’albero si adatta alle nuove condizioni.

ficus bengali

Il secondo e i successivi trapianti vengono effettuati in primavera. Durante questa procedura, è possibile formare la corona e tagliare radici troppo grandi. Ad ogni trapianto usa nuovo, più grande del precedente per 3-4 cm, capacità.

Ti consigliamo di familiarizzare con le regole del trapianto di ficus a casa

Non reimpiantare solo ficchi adulti, che crescono in contenitori di grandi dimensioni. In questo caso, è sufficiente rimuovere lo strato superiore del terreno e sostituirlo con fresco.

Le regole di base del trapianto:

ficus bengali

  • all’acqua;
  • rimuovere lo strato superiore;
  • rimuovere la massa di terra, scuoterla leggermente;
  • trapiantato in una nuova pentola;
  • aggiungere una miscela di terra fresca.

Caratteristiche di riproduzione

Ficus bengalese diffonde talee, foglie, presa d’aria.

Quando le talee vengono prese tagli apicali con fogliame, che sono leggermente irrigiditi.

ficus bengali

Rimozione linfa dal sito di incisione, l’innesto viene posto in acqua, aggiungendo ai farmaci per stimolare la crescita delle radici (è sufficiente mettere in sabbia umida nel pacchetto). Capacità di mettere in un luogo caldo e luminoso. Occorrono diverse settimane per il rooting.

Dopo che le radici si sono sviluppate, il gambo viene trapiantato in un vaso separato e curato successivamente come pianta adulta.

Quando si alleva un albero di fico, ci sono diversi consigli:

ficus bengali

  • periodo ottimale dell’anno – primavera-inizio estate;
  • Il luogo del taglio viene lavato e il brodo viene asciugato;
  • quando le talee non possono essere usate giovani, non rigidi germogli.
Lo sai? Il ficus bengalese più leggendario ha una corona di 350 metri e 3200 radici aeree. Sembra più un boschetto che un albero.

Malattie e parassiti delle piante

In caso di rilevamento di tracce di parassiti, una doccia calda è sistemata nell’albero. Se il ficus è piuttosto grande, la sua chioma viene accuratamente lavata con una spugna umida e poi lavorata con preparati chimici (Aktiklik, Tanrek, ecc.).

Occasionalmente sul ficus possono comparire tripidi, scutello o acaro.

Anche se questo accade abbastanza raramente, ma vale comunque la pena esaminare attentamente le foglie della pianta.

ficus bengali

La pianta è influenzata principalmente da una cura impropria. Pertanto, è necessario sapere quali segni si può parlare:

  • le giovani piante appassiscono le foglie – la stanza è troppo fredda;
  • Le macchie gialle apparivano sul fogliame – il risultato di un’annaffiatura eccessiva;
  • macchie marroni sul bordo delle foglie – la pianta è calda, il livello di umidità è diminuito, troppo fertilizzante;
  • Gli steli si allungano e le dimensioni delle foglie diventano più piccole – non c’è abbastanza luce;
  • La crescita rallenta e lascia sbiadito – il tempo di concimare il terreno.

Come potete vedere, una pianta così esotica come il ficus bengalese è abbastanza facile da coltivare a casa. In effetti, è poco impegnativo e sembra molto originale. E con i nostri consigli, l’albero non causerà grossi problemi nemmeno per i fioristi alle prime armi e per molto tempo diventerà una magnifica decorazione della stanza.

Recensioni dalla rete

umidità dell’aria:
se il riscaldamento funziona, metti la pentola sulla ghiaia umida. Spray ogni giorno.
irrigazione:
In inverno, una volta alla settimana, in estate ogni 3-4 giorni, se la temperatura è superiore a 24 ° C. l’acqua non dovrebbe ristagnare!
trapianto:
Mentre il vaso ha meno di 30 cm di diametro, trapiantato ogni anno. nelle grandi piante, sostituire la parte superiore del substrato 2 volte all’anno, a marzo ea settembre.
riproduzione:
talee apicali, in una mini serra riscaldata (fino a 25 ° C) senza aria, con l’aggiunta di ormoni.

Dmitry
http://www.vashsad.ua/forum/posts/289/#post3
Tyks. Semi, poi … Ho mescolato i semi con vermiculite e sparsi sulla superficie del terreno nella pentola (il terreno è stato versato 2 cm sotto il bordo della pentola e speronato). Ha chiuso un film di cibo, lo ha messo su un balcone (lì un caldo sul sole), quello in un appartamento portato (più freddamente). Nel piatto cadeva periodicamente “pioggia” dalla condensa sul film. Dopo 2 settimane, sono comparsi i primi “vermi”, li ho piantati subito dopo la comparsa dei cotiledoni (l’ho estratto ordinatamente e l’ho piantato, sbattendolo giù proprio nelle foglie). Erano lunghi circa 5 millimetri … Nessuno di loro è morto ai posti a sedere. Dopo la semina, i semi rimanenti sono germogliati nella pentola. Li ho piantati circa un mese e mezzo dopo la germinazione. Le foto di domani lo farò. Molto simile al ficus bengalese …

Veterani del forum
http://forum.homecitrus.ru/topic/21402-fikusy-rodstvenniki-inzhira/?p=5058