Come scegliere un coltivatore, economico e affidabile

Moto Cultivator
I proprietari di grandi appezzamenti spesso cercano una “meccanizzazione minore”. Questa tecnica è eccellente per i casi in cui l’elaborazione manuale è già gravosa e il trattore sul sito è ancora stretto. Certo, voglio che tali dispositivi coprano molti tipi di lavoro. Impareremo di più su come scegliere un coltivatore adatto per una grande dacia.

Tipi di coltivatori

Il mercato offre un numero enorme di modelli di marche diverse. Scegliere rapidamente da una varietà di unità adatte non è sempre ottenuto, quindi considera i principali tipi di tali meccanismi. Iniziamo con il più semplice.

mano

Questi sono i prodotti più convenienti che chiunque può affrontare. Hanno un design molto semplice che facilita la riparazione. Coltivatore manuale
Più esplicito: piccole dimensioni che consentono di lavorare praticamente ovunque nel giardino (dove la tecnologia motoristica semplicemente non passa). Sono usati su colline alpine, aiuole, vicino a una recinzione.

Per gestire piccoli appezzamenti di terra, gli agricoltori utilizzano attivamente la pala per la talpa e il coltivatore a mano Tornado.

I dispositivi manuali sono di due tipi:

  • Rotazionale (sono la stessa stella). In realtà, è un albero con i dischi su di esso. A causa delle estremità affilate e della forma irregolare, il coltivatore entra nel terreno bene, lo solleva e lo gira. Nel set completo spesso c’è un coltello per diserbare (allo stesso tempo vengono pulite anche le infestanti). Opzione eccellente per terreni morbidi e piantagioni con letti alti – cetrioli, patate e altre colture. Lavorare con loro convenientemente a scapito di una lunga maniglia. rotante
  • Ripper. Strumento per la terra pesante e argillosa, che una semplice stella non “prende”. Il principio è semplice: la stessa maniglia, ma con 3-5 denti affilati ricurvi. Al lavoro è necessario fare un grande swing e con la forza di abbassare questo dispositivo su un terreno, senza dimenticare di tirare dentro la festa. Sono prodotti sia nella versione da giardino (manico lungo, 5 denti), sia in versione leggera, che è più adatta alle serre: ha tre piccoli dentelli e un piccolo “supporto”. squartatore

Ma la domanda su quale coltivatore è meglio comprare per una casa di campagna piuttosto grande, spesso si trasforma in un altro piano. I potenziali acquirenti sono più interessati ai campioni semoventi produttivi.

coltivatori

Tutti i modelli realizzati di questo tipo sono suddivisi in classi in base al peso e alla potenza.

I proprietari di trame piccole ma “densamente” sviluppate di solito guardano a veicoli leggeri manovrabili. Hanno motori con una potenza di 2,5-4,5 CV, e il peso varia tra 20-40 kg.

Per l’organizzazione del lavoro nel giardiniere del cottage e del coltivatore di camion avete bisogno di attrezzature speciali: tosaerba, aratro, spazzaneve.

Moto Cultivator
Il “terreno” ideale per tale tecnica è una dacia di circa 10 ettari con un terreno leggero e ben curato. Come opzione, viene spesso offerta una taglierina compatta per la collina, che taglia i fori di semina.

Tra le carenze rilevate la necessità di pause frequenti e di robot in modalità sparing – “martello” senza tregua, il motore perde la vita.

Lo sai? La leggendaria “talpa” ha iniziato a produrre più di 30 anni fa nel 1983 le prime copie lasciarono la fabbrica di Mosca. Poco dopo la produzione è stata perfezionata a Omsk.

Dalla famiglia di coltivatori leggeri c’è anche un gruppo di dispositivi ultra-piccoli. A causa delle loro dimensioni modeste, sono convenienti per il trasporto, ma i motori deboli (fino a 3 hp) riducono automaticamente la profondità di aratura. Per un giardino in rovina non si adattano, ma per una serra sarà giusto.
Moto Cultivator
I prodotti della classe media sono già più potenti: 4,5-6 “cavalli” con una massa di 40-60 kg. Affronteranno il terreno argilloso, ma non sarà possibile arare il terreno vergine a causa della semplice meccanica. Qui (così come i meccanismi di luce) i cutter hanno un duplice ruolo: entrambi si allentano e fanno avanzare l’unità. Dopo aver agganciato l’ostacolo, devi trascinare l’auto di un paio di metri indietro.

Il contrario è facilitato da questo compito. Anche il set di equipaggiamento è impressionante: oltre al solito montatore, può includere un tosaerba, un erpice e un aratro.

Il “top” della gamma di modelli di qualsiasi marca è unità pesanti (fino a 9 CV). A loro favore, argomenti come la grande potenza e profondità di aratura, la possibilità di utilizzare come aratro e una pompa di irrigazione, nonché per il trasporto di merci possono essere avanzate. Alcuni modelli di questo segmento dopo il collegamento al rimorchio possono trasportare in sicurezza 500-700 kg di carico.
Coltivatore pesante

Importante! I prodotti con motori a combustione interna sono progettati per uso esterno. Avendo portato un tale coltivatore in una grande serra, rischi di rovinare le piante con scarichi nocivi.

Ci sono degli inconvenienti Questo, in primo luogo, un grande peso – da 60 kg (la maggior parte e del tutto “oscillato” per un centesimo). Alcuni sono confusi dal maggiore consumo di carburante e vibrazioni. È vero, sono compensati da una produttività invidiabile e da un lavoro a lungo termine su qualsiasi terreno.

C’è un’altra classificazione: il tipo di motore e potenza. Su questa base tutti i meccanismi di questo tipo possono essere suddivisi nei seguenti gruppi:

  • Ricaricabile. Per i nostri territori è una rarità. La batteria deve essere completamente ricaricata e qualsiasi malfunzionamento con “trucco” può ridurre significativamente la risorsa.
  • Coltivatore a batteria

  • Elettrico. Non macchine cattive, ma il “raggio d’azione” è limitato dalla lunghezza del cavo. Lavorare con il giardino a casa è adatto, mentre nello spazio aperto non ha molto senso (a meno che non ci sia un generatore forte a portata di mano).
  • Motocoltivatori elettrici

  • Con motori a combustione interna. La specie più massiccia. Ci sono ovunque – da una piccola area suburbana ai campi. A tali unità vale la pena dare un’occhiata più da vicino, perché sono più spesso acquistati da loro.
  • Motocoltivatore con motori a combustione interna

Cosa cercare quando si sceglie un motocoltivatore

I coltivatori con ICE saranno preferiti da coloro che necessitano di un’elaborazione rapida di vaste aree. Ma prima di acquistarlo vale la pena di ricordare le caratteristiche del proprio dispositivo, perché in questi momenti dovrà prestare attenzione quando si sceglie una “moto”.

Il motore

Il “cuore” dell’unità può essere a 2 o 4 tempi. Ognuno di questi tipi ha le sue caratteristiche. Ad esempio, motori a due tempi:

  • Più accessibile
  • Potente “quattro tempi” delle stesse dimensioni.
  • Affidabile e manutenibile.
  • Costi economici per la normale manutenzione.
Lo sai? Esiste anche una varietà “forestale” di tali sistemi, adatta alle condizioni più difficili abbondanza di ceppi e terreno pietroso. È curioso che la stragrande maggioranza di queste unità sia prodotta dagli sforzi di un’azienda, la svedese Bracke Forest.

Questi motori sono spesso acquistati da coloro che risolvono il problema – come scegliere un coltivatore di benzina buono e leggero per una residenza estiva.
Il motore
Ma ci sono anche alcune sfumature. Forse il più importante di questi è la scelta del carburante e la preparazione competente della miscela. È necessario acquistare benzina di alta qualità (“A-95”) e mescolarla con un olio adatto seguendo rigorosamente le istruzioni. Alcuni trascurano questa semplice regola e riempiono il “novanta secondi” in combinazione con l’olio della botte nel garage. Di conseguenza, il coltivatore può andare in discarica: la riparazione è piuttosto costosa.

Quattro barre: questo è il destino delle unità medie e pesanti. Sono:

  • Avere una grande risorsa
  • Lavora più tranquillo e più a lungo.
  • Non richiedono arresti lunghi per il raffreddamento. Basta e pochi minuti.
  • Meglio approfondire le frese (influisce molto sul peso).
  • Non richiedere il riempimento regolare della miscela.

Ci sono anche versioni diesel, che hanno i loro vantaggi come la migliore trazione ai bassi regimi. Per quanto riguarda il raffreddamento, la maggior parte delle unità proposte sono tradizionali “arie”. I meccanici fanno notare che non hanno bisogno di un sistema fluido, perché i carichi sono lontani da quelli limitanti.

Importante! Per mantenere il coltivatore con i mulini esposti in anticipo non sembra a tutti È necessario tenere le impugnature con entrambe le mani e con grande sforzo, senza dimenticare di regolare la profondità dell’aratura. Le versioni leggere, a loro volta, possono poggiare su un terreno solido, e sarà necessario premere già dall’alto.

Sappiamo già della dipendenza diretta della profondità di elaborazione sulla potenza del motore. Ma colpisce anche l’area di “cattura”. Quindi, per un paio di ettari ci saranno abbastanza 5-7 CV. Aree più spaziose (4-5 ettari) richiedono almeno un motore da 9 cavalli. In un piccolo giardino, puoi gestire 3-4 “cavalli”.

riduttore

Altrettanto importante è il trasferimento della coppia dal motore alle ruote o meccanismi di lavoro attraverso la frizione. Un ruolo speciale è assegnato al riduttore, che dipende in gran parte da esso sull’affidabilità dell’intera unità e del suo layout in generale.
Riduttore a catena
Un sacco di polemiche è causato dal problema, dal tipo di cambio che è migliore, dalla catena popolare o dal piccolo worm. Cercheremo di chiarire, senza dimenticare altre opzioni.

Caratteristiche di trasmissione a catena:

  • È posizionato su motori con albero motore orizzontale.
  • Ha una grande risorsa
  • Può essere solido o pieghevole. Nel secondo caso, è molto più semplice mantenere questo nodo (puoi eliminare da solo la rottura).
  • Soffre di problemi “familiari” come allungare e strappare la corda. Le ruote dentate potrebbero essere danneggiate e in alcuni casi la chiave si stacca dall’albero motore. Sebbene tutti questi malfunzionamenti siano facilmente eliminati.

Per l’albero motore verticale, il “verme” è più adatto, che:

  • Ha leggerezza e dimensioni ridotte.
  • Usato solo su modelli leggeri.
Lo sai? Compagnia tedesca Bungartz nel 1937 iniziò la produzione di blocchi motore con motori di 8 e 10 forze. Durante gli anni della guerra, questo marchio, nonostante la “registrazione”, ha dovuto resistere e l’assalto dei nazisti i suoi capi rifiutarono di eseguire ordini militari, producendo prodotti puramente pacifici.

Come potete vedere, ha pochi vantaggi, che non si possono dire sugli svantaggi di un simile riduttore. Non tollera carichi pesanti – l’aratro, e tanto più il rimorchio non si adatta più. Il pignone in ottone si consuma rapidamente e l’albero di uscita produce spesso giochi. Le caratteristiche “congenite” sono considerate “propensione” al surriscaldamento e grandi perdite all’attrito.
Riduttore a vite senza fine
Inoltre, è necessario esercitare una forza considerevole – spingendo l’intero meccanismo, si può sentire che le ruote non ruotano anche con la frizione innestata. Anche il suo “spremere” non dà sempre un risultato.

Consigliare questa opzione è possibile solo a coloro che si occuperanno di terreni leggeri ben curati.

I coltivatori più potenti sono equipaggiati con un riduttore. Non sono un esempio più costoso, ma hanno anche una risorsa molto più lunga. Funzionano con quasi ogni carico.
Gear Gearbox
L’originale “ibrido” della catena a ingranaggi, piuttosto raro, è più economico. Questo è un tipo di compromesso tra l’affidabilità di un ingranaggio robusto e la semplicità della catena. Conveniente, ma la manutenzione di questo pacchetto senza l’abilità è a volte difficile.

frizione

Senza di esso, non esiste un tale meccanismo. Tali schemi sono usati:

  • Automazione centrifuga, simile a quella utilizzata dalle motoseghe. Utilizzato su unità leggere, è facile da cambiare in condizioni di garage;
Importante! Chiedi i materiali da cui sono fatti i nodi e i sistemi di “potenza”. A tal fine, l’acciaio è un marchio particolarmente forte, mentre gli ingranaggi in ottone non dureranno a lungo.
  • La cinghia con rullo di tensione si trova sui modelli del segmento centrale.
  • Sistema con una frizione di tipo “automotive”. Questo è tipico per i campioni più potenti. I carichi sono grandi, e la batteria con le cinghie non può farcela. Lo svantaggio è la complessità della riparazione e dell’assemblaggio.

Motocoltivatore accoppiatore puleggia e cinghia

Larghezza e profondità dell’aratura

Questi parametri vengono immediatamente richiamati all’attenzione dei futuri proprietari. Queste cifre saranno diverse a seconda della classe dei coltivatori:

  • I piccoli prodotti “catturano” un massimo di mezzo metro ad una profondità di allentamento di 15-18 cm. I micro-modelli non superano i 30 cm, scavando fino a 7-8 cm.
  • I dispositivi del segmento centrale possono essere regolati su una larghezza nell’intervallo di 40-80 cm (su alcuni, è aumentato a 85). Uplink a profondità di 23-28 cm.
  • Le versioni pesanti sono progettate per la penetrazione in 0,9-1 me una profondità di almeno 30 cm.

Tieni a mente la larghezza più comoda, non dimenticare il motore stesso. Larghezza e profondità dell'aratura
Per evitare sovraccarichi, la sua potenza viene selezionata come segue:

  • Impugnatura 1 hp / 20 cm per quattro tempi.
  • 1 hp / 30 cm per la 2 tempi.

Questi semplici calcoli aiuteranno a evitare costose riparazioni.

Operazione inversa

La sua presenza sarà solo un vantaggio. La possibilità di inversione è il “privilegio” dei grandi coltivatori, anche se molte macchine del segmento medio hanno questa opzione.

Lo sai? Nei mini-trattori dell’URSS cominciarono ad apparire alla vigilia del 1980 Prima delle Olimpiadi, è stato acquistato un lotto di macchine ceche TZ-4K. Hanno avuto un tale successo che sono stati utilizzati ovunque: dalla pulizia delle strade al lavoro nei campi.

Il cambio è spesso progettato per tre modalità: aratura a bassa velocità (100-150 / min), allentamento ad alta velocità della superficie e distruzione dell’erba (250-300 giri / min) e, di fatto, retromarcia.

Sui modelli leggeri, puoi vedere le maniglie portatili: non hanno bisogno di un carico aggiuntivo della trasmissione e il movimento può essere fatto manualmente.

Girando la maniglia

Alla fine dei tubi piegati si trovano i controlli sotto forma di maniglie. Sono responsabili per l’innesto della frizione, della velocità e dei cambi di marcia.
Maniglia per motocoltivatore
Requisiti per loro un po ‘. Dovrebbero essere comodi (preferibilmente gommati) ed essere in uno stato normale. Sono esclusi i “Jamming” e l’indebolimento degli attacchi.

Anche prima dell’acquisto, vedi quanto sono ben protetti i cavi sull’impugnatura. Ottenere rapidamente lo sporco può complicare il lavoro.

Regolazione importante e corretta della maniglia senza spostamenti inutilmente liberi. Ad esempio, il cavo della frizione “allungato” può essere rilevato solo con una maniglia funzionante – se è ancora spremuto e l’unità sta già saltando in avanti, dovrai affrontare questo problema (simile a una moto).

allegati

Oltre alla fresa standard, i seguenti dispositivi opzionali possono essere inclusi nel kit opzionale “baldacchini”:

  • Cesoie tagliate rinforzate per aree pesanti.
  • Taglierine rotanti

  • Una ruota o ruote (per i modelli di assali) che facilitano il movimento e non consentono di “scavare” nel terreno.
  • ruota

Importante! Per la penetrazione nel corridoio, sarà necessario un set di speciali, i cosiddetti tagliatori stretti.
  • Parte a forma di V (collinetta), che rompe i buchi sotto la piantagione e allenta il terreno vicino alle piante.
  • Aratri di diverse configurazioni (singola o doppia faccia).
  • aratro

  • Mietitrice di patate. Lo stesso aratro, ma con le sue specifiche. Scavando i tuberi, tirandoli fuori. È offerto solo per modelli potenti.
  • Mietitrice di patate

  • Harrow.
  • erpice

  • Mulini e discariche per la pulizia di foglie e neve.
  • Lama per rimozione della neve

  • Gruntozatsepy e ponderazione delle ruote.
  • aggetti

  • Macchina di falciatura.
  • Falciatrice

  • Un carrello o un piccolo rimorchio.
  • trailer

L’elenco è impressionante e provoca analogie involontarie con il blocco di moto. Questo è in parte vero, ma il coltivatore ha una sua “ideologia”, diversa dai compiti del blocco di moto. Quest’ultimo nelle sue caratteristiche è molto più vicino al mini-trattore, e un motore potente ti permette di prendere quasi ogni “tettoia”. Il proprietario del coltivatore dovrà selezionare attentamente l’attrezzatura in modo da non sovraccaricare il motore.

Scopri le caratteristiche tecniche di Neva MB 2, Salute 100 e Zubr JR-Q12E.

Ugelli per motocoltivatore

Oltre al consueto elenco di attrezzature, l’acquirente può offrire anche altri dispositivi più “specializzati”. Questi includono:

  • Aeratore. Un raro boccaglio che perfora il terreno per accedere all’aria alle radici.
  • aeratore

  • Rastrelli facili per lavorare anche su lunghezze come un prato.
  • rastrello

  • Forbici sotto forma di forbici.
Lo sai? I mezzi di meccanizzazione su piccola scala in epoca sovietica erano molto apprezzati e in molte regioni non erano abbastanza. Per calcolare il bisogno per loro, alte autorità come Gosplan e Gosstroy pubblicarono circolari dettagliate, punteggiate da formule sofisticate.
  • Coltelli “angolari” per lavori sui bordi dei prati.

Prima di utilizzarli, è consigliabile conoscere la compatibilità di un allegato specifico con la propria unità.

Produttori popolari

Per non “imbattersi nella sinistra”, fai attenzione ai prodotti di produttori affermati. La meritata popolarità è apprezzata dai prodotti di tali marchi:

  • “Mole”. Il design è familiare ai tempi dei soviet. Un modello piccolo, facile da usare, in grado di allentare fino a 20-25 cm senza troppe difficoltà. Di piccole dimensioni consente di trasportare il dispositivo anche nel bagagliaio dell’auto.
  • talpa

  • “Neva” la linea MK-100 si occuperà di allentare, diserbo e applicare fertilizzanti. Le unità di potenza importate hanno una grande risorsa. La rete di assistenza è ben sviluppata, quindi non ci sono problemi con i pezzi di ricambio.
  • Neva

  • “Tarpan”. L’unità compatta è equipaggiata con un motore americano BriggsStratton 6-forte, che lo rende adatto per lavorare con terriccio pesante. Notiamo anche moderati appetiti di “carburante”.
  • tarpan

  • «Vichingo». Il dispositivo assiale universale austriaco si distingue per l’eccellente adattamento di parti e materiali di maggiore resistenza. La custodia è realizzata con doppio cuscinetto polimerico e il “worm” è realizzato in acciaio resistente. Le leve di comando della trasmissione sono dotate di un blocco che esclude il funzionamento simultaneo in due modalità. Il modello analogico domestico 585 è chiamato “Tarpan”.
  • vichingo

Importante! Controllare periodicamente l’olio nel riduttore smontabile.
  • Danese «Texas » è in grado di prendere qualsiasi tipo di attrezzatura e far fronte a tutti i tipi di coltivazione su diversi terreni. Richiede assistenza competente: alcuni nodi possono essere difficili da ottenere.
  • Texas

Conoscendo queste caratteristiche del dispositivo e il lavoro, è possibile trovare facilmente il coltivatore giusto. Quindi il lavoro sarà divertente e il dispositivo funzionerà per un tempo molto lungo. Buon raccolto!


Like this post? Please share to your friends:
Leave a Reply

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

36 + = 37

map