Consigli utili per la crescita del balsamo della stanza

Balsamo al coperto
Una delle famose piante da interno, che è stata a lungo sistemata sui davanzali delle finestre dei nostri appartamenti e case, è il balsamo (in questo caso, un’opzione camera). Prendersi cura di questo fiore non è difficile, ma è comunque necessario sapere come trapiantare, moltiplicare, irrigare e concimare correttamente il balsamo in casa.

Tipi comuni di balsami al coperto

Oggigiorno ci sono più di 400 specie di questa pianta, che in alcuni paesi è stata chiamata “fiamma” (merito di fiori molto luminosi). La balsamina può essere sia una pianta annuale che una pianta perenne, ma nelle nostre case c’è spesso un balsamo Waller o Waller (il più famoso), balsami dell’ampel e balsamine della Nuova Guinea, conosciuti come ibridi del gruppo “Nuova Guinea”.

Con buona cura, possono fiorire tutto l’anno, deliziandoti con fiori rosa o rossi brillanti. Tuttavia, ci sono varietà con fiori di fiori gialli, arancioni, bianchi e lilla, ma le più originali sono piante bicolori che hanno un mezzo di contrasto (“glazik”). Le foglie di balsamo hanno anche una grande varietà di sfumature, dal verde standard al rosso o al marrone.

Balsamo al coperto
In ogni caso, indipendentemente dall’opzione scelta, il balsamo in crescita dai semi a casa sarà un processo molto interessante ed eccitante per te.

Lo sai?La gente ha chiamato il balsamo “permaloso”. Il fatto è che dopo l’impollinazione dei fiori si formano scatole con semi che al minimo tocco scoppiano immediatamente. La seconda versione, non meno comune, del suo “nome” è “Vanka Mokry”.

Regole di base per piantare balsamo

Se decidi di avere un balsamo a casa, ma non sai come piantare correttamente questa pianta, la prima cosa da fare è acquistare semi di qualità. Al momento della loro scelta, è importante prestare attenzione alla data di scadenza, al grado, alla specie (annuale o perenne) e all’affidabilità del produttore. Se sei disposto a cogliere l’occasione e a sperimentare, puoi raccogliere i semi da soli (per questo devi raccoglierli manualmente dalle piante già in azienda).

Balsamina crescente
Prima della semina diretta dei semi in vaso, è necessario metterli in una soluzione debole di permanganato di potassio per 10 minuti, e poi per un altro giorno immergere in acqua tiepida.

La fase successiva è la corretta preparazione del terreno. Dato che le piantine di piante sono molto sensibili al tipo e alla composizione, il terreno per il balsamo della stanza deve essere leggero e sciolto. È preferibile utilizzare una miscela di torba e terra fogliare, vermiculite e sabbia a grana grossa del fiume (in proporzioni uguali). Ma se non vuoi perdere tempo, allora puoi ottenere un terreno pronto per le piantine, aggiungendo ad esso un quinto di vermiculite o sabbia, che renderà il terreno sciolto e traspirante.

Importante! Molti coltivatori ritengono che l’ottimale per il balsamo sia un terreno debolmente acido costituito da parti uguali di erba, perlite, humus e compost.

L’altezza del contenitore per le piantine dovrebbe essere 7 cm (o leggermente più). A questo scopo, puoi usare un contenitore di plastica, una pentola o una pentola grande. Sul fondo del recipiente scelto devono essere fatti diversi fori e applicato uno strato di argilla espansa spessa 2 cm, che non consente all’acqua di indugiare nel terreno e impedire che marcisca le radici.

Immergere i semi
Prima di seminare, è necessario riempire il vaso con del terreno e versarvi una soluzione di “fitosporina”, che contribuirà a migliorare la microflora del terreno ea proteggerlo da molti parassiti.

Il momento ideale per la semina è a metà marzo. In questo caso, i primi fiori sboccianti del giovane balsamo saranno ammirati a giugno.

Un punto importante nella semina è l’ampio posizionamento dei semi in una pentola, ad uguale distanza l’uno dall’altro. Devono essere seminate superficialmente, premendo delicatamente lo stecchino umido nel terreno, ma senza immergerlo.

Importante! La temperatura ottimale per la germinazione dei semi di balsamo è + 22-25 ° C.

Dopo che tutti i requisiti sono stati rispettati e i semi hanno preso il loro posto nella pentola, sarà solo necessario cospargere le colture con acqua e mettere il contenitore in un sacchetto di plastica, dopo averlo riempito d’aria in precedenza.

Raccomandazioni per la cura del balsamo coperto

Ora vediamo come prendersi cura del balsamo. Dovrebbe prendere in considerazione solo alcuni requisiti: rispetto del regime di temperatura, mantenimento del livello di umidità richiesto, conoscenza delle caratteristiche dell’irrigazione, fertilizzazione delle piante, nonché pizzicatura e potatura.

Scelta del luogo e illuminazione

balsamo
Il balsamo ama molto la luce intensa, tuttavia la luce diretta del sole può influire negativamente sul fiore. Pertanto, coltivando una pianta in casa, è necessario ombreggiare le finestre.

Allo stesso tempo, nella stagione invernale, il balsamo coperto avrà bisogno di una quantità di luce sufficiente, che contribuisce alla sua fioritura durante tutto l’anno (in inverno, il sole non è così luminoso).

Affinché la corona del cespuglio sia uniformemente bella e uniforme, il vaso di fiori con la pianta deve essere periodicamente girato, alternativamente sostituendo il sole per ciascuno dei suoi lati. La mancanza di luce porta spesso al fatto che la pianta smette di produrre gemme e perde la sua attrattiva.

Lo sai? Il balsamo della stanza è più adatto per le persone che sono nate sotto il segno del Leone.

Temperatura e umidità

Balsamo al coperto
L’osservanza del regime di temperatura ideale e dell’umidità adeguata nella stanza è un altro compito importante che deve affrontare il fiorista quando si coltiva il balsamo. In primavera e in estate, il fiore tollera una temperatura di + 25 ° C e oltre, ma solo con un buon accesso di aria fresca e umidità del substrato. In inverno, la temperatura non dovrebbe scendere al di sotto di + 10-15 ° C.

Anche le copie di camera di balsamo sono esigenti e all’umidità. È vero, anche se a loro non piace il surriscaldamento, non è sempre necessario un ulteriore inumidimento.

Ad esempio, se la temperatura della stanza non supera il valore di 20-22 ° C, sarà sufficiente solo per assicurarsi che il terreno nei vasi non si asciughi.

Un innalzamento della temperatura oltre questo valore porterà ad una rapida evaporazione dell’umidità e dell’avvizzimento della pianta. Se vedi che il termometro ha superato il segno a + 25 ° C, allora è il momento di prendere uno spray che può essere usato per spruzzare le foglie più volte al giorno.

Importante! A temperature significative, c’è la possibilità che le foglie cadano a causa della comparsa di un “effetto serra” (alta temperatura e umidità). Pertanto, è meglio trovare una stanza più fresca ma abbastanza luminosa per un cespuglio.

Irrigazione e top dressing di una pianta

balsamo
Il balsamo ama molto l’acqua e l’irrigazione è uno dei requisiti agrotecnici più importanti per la cura. Nei mesi estivi, quando lo strato superiore del terreno spesso si asciuga, la pianta richiede un’abbondante irrigazione. Tuttavia, quando si introduce acqua nel terreno, occorre fare attenzione per garantire che il liquido non entri nel collo della radice della pianta. Per fare ciò, l’irrigazione viene effettuata sul bordo della pentola e, una volta completata la procedura, l’acqua in eccesso viene scaricata dal pallet.

Come acqua per l’irrigazione, è meglio preparare l’acqua dolce e instabile, altrimenti si troverà presto un rivestimento bianco sulla superficie del terreno, che indica la sua alta alcalinità. In questo caso, si consiglia ai coltivatori esperti di sostituire lo strato superiore del terreno.

Per garantire l’accesso di aria fresca alle radici, il terreno nel vaso deve essere periodicamente allentato. Solo non eseguire questa procedura troppo profondamente (non più in profondità di 1 cm), altrimenti c’è la possibilità di danneggiare il sistema radicale della pianta.

Per sviluppare pienamente il tuo balsamo, ha anche bisogno di ulteriori concimazioni. Di solito è introdotto nel terreno nel periodo primavera-estate, quando la pianta inizia a fiorire.

Al giorno d’oggi è facile scoprire cosa nutrire il balsamo per la fioritura, perché nel mercato moderno ci sono un sacco di vari tipi di fertilizzanti. Tuttavia, tra tutta questa diversità, è meglio prestare attenzione ai concimi complessi per piante da fiore ornamentali (a metà del dosaggio ogni due settimane), anche se ogni fiorista decide cosa nutrire “sega bagnata”, in base alle condizioni specifiche del suo contenuto.

Importante! Dopo il trapianto del balsamo, i fertilizzanti non vengono introdotti fino a tre settimane dopo.

Pizzicare e potare

Taglio balsamo
Durante il trapianto di balsamo (solitamente in primavera), la corona della pianta viene “corretta”. Quindi, se il cespuglio cresce troppo durante l’inverno, l’assetto del balsamo (coperto) prevede la riduzione del gambo della metà. Allo stesso tempo, quando i germogli raggiungono la lunghezza desiderata, il loro apice si drizza, stimolando così l’aspetto e la crescita di nuovi germogli laterali e una fioritura densa.

Prishchipkoy ha chiamato la rimozione meccanica della punta del tiro, che viene eseguita sia con le forbici che con le sole mani. A causa di questa azione, i boccioli dormienti vengono risvegliati, ma se sono indesiderabili in un determinato luogo, vengono delicatamente interrotti dopo la crescita.

La potatura aiuta a ringiovanire la pianta e taglia i germogli apicali per la successiva riproduzione. Al fine di migliorare le proprietà decorative del balsamo, è necessario rimuovere i vecchi rami spogli, oltre a foglie e fiori morenti.

Come trapiantare correttamente un balsamo della stanza

Trapianto di balsamina
Tra i fioristi, puoi spesso sentire una domanda: quanto correttamente trapiantare la “sega bagnata”. Prima di tutto, devi sapere che la stanza del balsamo viene trapiantata in primavera e, solo se necessario, fare un trapianto in estate. Inoltre, tutte le giovani piante hanno bisogno di un cambiamento annuale dell’habitat. La pianta adulta viene trapiantata o semplicemente rinnovata in 2-3 anni facendo radicare le talee dell’apice (questa è una misura molto importante, poiché con il tempo il balsamo cresce e diventa meno attraente).

Il momento più adatto per trapiantare il balsamo a casa è la fine di febbraio e la fine di marzo, e la sequenza di esecuzione di tutte le azioni è la seguente:

  1. Prendi un vaso delle dimensioni appropriate (preferibilmente di più) e riempilo con un quarto di drenaggio;
  2. Versare il terreno preparato secondo la ricetta sopra descritta;
  3. Versare il terreno caldo, acqua stagnante;
  4. Prima del trapianto diretto, inumidisci bene il terreno nel vaso, dal quale trapianterai la pianta (così la terra si separerà facilmente dalle radici);
  5. Rimuovere con molta attenzione la pianta da una vecchia pentola, dopo averla scavata da tutti i lati (quindi sarà facile estrarla con un pezzo di terra);
  6. Ispezionare attentamente le radici e rimuovere tutte le lesioni, tagliandole in un tessuto sano.

Rimuovere completamente il vecchio terreno non è necessario, poiché vi è il rischio di danneggiare il fiore stesso. Il diametro del nuovo contenitore dovrebbe essere maggiore del precedente, ma solo 2-3 cm, altrimenti la pianta sarà costretta a dare tutte le forze per costruire il sistema radicale, a causa del quale la fioritura ne risentirà.

Lo sai? In Inghilterra, il balsamo è chiamato “Hard Liza”.

Riproduzione di balsamo al coperto

La riproduzione del balsamo coperto può essere eseguita in due modi: mediante la propagazione e la semina dei semi.

talee

Riproduzione per talea
Il taglio è il metodo più popolare per l’allevamento delle piante. Viene utilizzato attivamente nei periodi primaverili o estivi, tagliando le talee dalla boscaglia. La lunghezza delle parti tagliate varia da cinque a sette centimetri, con almeno due internodi rimanenti su ciascuno di essi. Le foglie e le gemme situate nella parte inferiore devono essere rimosse.

Come tagliare correttamente il balsamo? In realtà, questa procedura non è così complessa come potrebbe sembrare a prima vista. I gambi preparati possono essere messi in un contenitore con acqua fino a formare le radici o immediatamente piantati nel terreno. Come variante ideale del terreno, è meglio usare torba, vermiculite e perlite, mescolandoli in proporzioni uguali. È in questa terra e mette le talee, e quindi compatta leggermente il terreno intorno a loro. Quindi il terreno nella pentola viene inumidito e il contenitore stesso viene inserito in un sacchetto di plastica.

Se le talee germogliano in una stanza calda e luminosa, allora in mezzo mese metteranno radici saldamente, e dopo tre mesi ti daranno fiori bellissimi.

semi

Semi di balsamo
Per riproduzione seme balsamo sarà necessario preparare una miscela di perlite sporco e torba (1: 2), e il seme dopo la semina per mantenere la temperatura entro + 20-25 ° C. Non è necessario scavare molti semi nel terreno, sarà sufficiente avere una profondità di 0,7-1 cm. Dopo la semina, il terreno viene cosparso d’acqua e posto sotto il vetro. I semi dovrebbero risalire 8-10 giorni dopo la semina (il tempo è approssimativo).

In nessun caso, non dovrebbe essere permesso di sovrastampare il terreno, in quanto ciò potrebbe causare danni alle piantine con una “gamba nera”. Dopo che i germogli sono saliti, sarà possibile abituarsi lentamente all’aria fresca. Quando le piantine hanno raggiunto 1,5-2 cm di altezza, avviene una raccolta delle piante.

Importante! La questione di come sistemare la stanza del balsamo in vasi separati, dovrebbe sorgere solo quando ciascuna piantina avrà 1-2 foglioline presenti.

Problemi, malattie e parassiti di balsamo, combattendoli

Impatiens piantare in vasi, e lo fanno le condizioni più favorevoli per la crescita e lo sviluppo, non si può mai essere esattamente sicuro che l’impianto è al sicuro da tutti i tipi di malattie e problemi. Ad esempio, una temperatura troppo alta in una stanza con bassa umidità non è il modo migliore colpisce il fiore di stato: le foglie avvizziscono e la fioritura sta rallentando significativamente. Per ripristinare la pianta al suo stato precedente, è necessario ricreare le condizioni ottimali per la sua crescita. Ma non dimenticate che lo stesso annaffiature abbondanti può danneggiare balsamo, perché favorisce la comparsa di funghi e muffe.

Malattie del balsamo
Con la comparsa dei primi segni di una malattia fungina, devono essere prese misure appropriate: il fiore viene immediatamente rimosso dalla pentola e, scuotendo con cura le radici della terra accumulata, viene trapiantato in un contenitore con un nuovo terreno più libero e un buon sistema di drenaggio.

Una volta trovato marciume sulla superficie del terreno, è necessario sostituire lo strato superiore con terra fresca. Eseguendo la malattia, a volte riduci le possibilità di salvare la pianta.

Quando i fiori cadono, è necessario rivedere le condizioni del balsamo. In particolare, le cause della “caduta delle foglie” sono spesso aria secca, irrigazione insufficiente, temperatura interna ridotta, scarsa illuminazione e sovrabbondanza di concimazione.

La scarsa illuminazione nella stanza e la mancanza di luce solare può influenzare il colore e la varietà foglia variegata, che con un deficit di luce diventano pallido e inespressivo. Questo fattore è anche la causa della troppa stiramento di germogli, che colpisce negativamente le proprietà decorative del balsamo.

Malattie del balsamo
Una debole fioritura della pianta o la sua completa assenza può essere spiegata da una mancanza di nutrienti o da un pregiudizio verso i fertilizzanti azotati, che stimoleranno la crescita delle foglie. Spesso la base per la comparsa di tali problemi può servire come un vaso di fiori ingiustificatamente grande, integrato da un’irrigazione irregolare.

Tra i restanti disturbi del balsamo, non si può fare a meno di evidenziare la sconfitta di un acaro, che è facilitato dalla bassa umidità dell’aria. Per eliminare il fiore da esso è possibile utilizzare soluzioni di insetticida.

Inoltre, usando droghe speciali, puoi combattere e afidi (o mosche bianche).