Descrizione del giglio Marlene

Lilia Marlene

Gigli efficaci sono in grado di decorare qualsiasi sito. Varietà e colori: una grande varietà, letteralmente per tutti i gusti. Ma molti sono confusi dall’odore acido “aziendale” proveniente da queste piante. In questo contesto, spicca il giglio “Marlene”, che non diffonde il suo “ambre”, quindi ha senso considerare un tale fiore in modo più dettagliato.

Descrizione della varietà

Questa varietà ibrida, risultante dall’incrocio di gigli asiatici con longiflorum multicolore. Come risultato, sono state ottenute piante che facilmente prendono radici e fioriscono abbastanza presto, e tollerano anche il freddo.
Lilia Marlene

A steli alti (0,9-1 m) di un colore verde pallido, le foglie oblunghe, puntate ai bordi, sono alternativamente “lanciate”. Le loro dimensioni sono notevoli – una lunghezza di 11-13 cm è considerata standard (mentre la larghezza è molto più modesta e raramente supera 1,5 cm). Su un peduncolo è possibile contare non meno di 15-20 gemme.

Tutta questa massa verde è trattenuta dal rizoma sotto forma di un bulbo coperto di squame.

Alla fine di giugno – inizio luglio, è tempo di sbocciare: appaiono grandi fiori. Di solito il loro diametro raggiunge i 15 cm, ma su terreni leggeri, i veri giganti possono apparire sui 17-19 cm. Le punte hanno un colore rosa pallido, che, avvicinandosi al centro, viene sostituito da un “kantik” quasi bianco.

Importante! Le lampadine importate in pacchetti luminosi sembrano attraenti. Ma un mazzo ben chiuso non ti darà l’opportunità di vedere il materiale da piantare per il danno. Quindi non correre a comprare un “gatto in un colpo”.

La descrizione di un tale fiore, come il giglio della varietà Marlene, sarà incompleta senza menzionare la sua linea più luminosa. Si tratta di multicolor, che ha fornito alla pianta popolarità tra i fioristi.

Questa specie può “sparare” dozzine di fiori, ma non aspettarla immediatamente – la fioritura di massa si osserva per 2-3 anni. La ragione di questo fenomeno è ben nota ai coltivatori esperti di fiori.

Questo è un processo noto come fasciazione (fusione di numerosi giovani peduncoli in un unico stelo con numerosi boccioli di fiori). Ma qui c’è una sfumatura di cui molti dimenticano – “marlen” sono davvero predisposti a tali mutazioni, sebbene non tutte le pianticelle diano un colore così selvaggio.
Lilia Marlene

In termini scientifici, la fasciazione inerente ai rappresentanti di questa varietà non è un segno assolutamente fisso. Quindi non dovresti fidarti dei venditori che giurano a se stessi che il bulbo venduto a metà dell’estate è “nato” da quasi un centinaio di fiori. È possibile, ma nessuno può dare una garanzia completa.

Inoltre vi saranno interessati a conoscere la classificazione delle varietà di daylilies: come dividere daylilies altezza steli, forma e dimensione del fiore, i tipi di vegetazione, a condizioni di fioritura, in fase di fioritura.

Caratteristiche di atterraggio in campo aperto

Per la coltivazione di successo di un giglio decorativo è necessario trovare un posto adatto. Atterrare sul primo “latte” che è emerso potrebbe non dare i risultati attesi, quindi iniziamo con i requisiti a terra.

Scegliere il terreno e la trama

La piattaforma ottimale per la semina è un terreno fertile allentato con un buon drenaggio. L’alta presenza di una cucitura di acque sotterranee è indesiderabile.
Lilia Marlene

Il bulbo può anche iniziare sul terriccio, ma poi sarà necessario un pasto, che sarà discusso poco dopo.

Lo sai? Il giglio si trova spesso su vari stemmi. Questo elemento di design stilizzato è considerato uno dei più famosi dettagli “timbrati” (insieme a aquile, leoni e croci).

Per quanto riguarda il posto, il posto migliore è l’angolo con penombra pronunciata. Il colpo regolare dei raggi diretti rende pigri i gambi e le gemme, mentre un’ombra abbondante inibisce la crescita. Prendi in considerazione e la forza del vento: potenti correnti d’aria possono rompere il fragile bocciolo.

Si prega di notare che l’atterraggio è a metà aprile – i primi dieci giorni di maggio.

irrigazione

Sul sito forniscono annaffiature abbondanti e regolari.

Inizia fin dal momento dell’atterraggio, quando circa 10 litri d’acqua vengono versati nel foro raccolto. Dopo averlo lasciato a bagno, puoi prendere i bulbi e piantarli.

Dopo che il seme è stato versato e compattato con il terreno, la superficie del pozzo viene nuovamente inumidita. L’irrigazione principale inizia dopo 4-6 giorni (a seconda della velocità con cui la terra si asciuga).

La maggior parte dei gigli preferisce l’ombra parziale, quindi possono essere piantati vicino a ginepri, cipressi, tuie, felci.

Concimazione aggiuntiva

Se devi affrontare un terreno “pesante”, assicurati di effettuare una medicazione preliminare. Molto spesso, viene ripreso il verbasco riprogrammato (5-10 kg / mq M con dose crescente per terreno debole). Come opzione – composizioni minerali complesse in una quantità di 60-100 g per “quadrato” dell’area.

Ma il letame fresco per tali scopi non è buono – un “organico” così potente in grandi quantità semplicemente “brucia” la lampadina.
Lilia Marlene

Dopo questa preparazione procedere direttamente alla semina. Questa procedura è abbastanza semplice ed è ben nota a tutti i proprietari di cottage o orti:

  1. I bulbi sono disinfettati con carbofos.
  2. Scavare buche La “crescita giovane” è posta ad una profondità di 10 cm, e le grandi lampadine sono due volte più profonde. Ricorda che metteranno radici, quindi dovrai entrare in profondità in un doppio livello.
  3. Sul fondo giaceva sabbia pura (abbastanza strato di 1 cm).
  4. Quindi il “sedile” è inumidito (circa un secchio d’acqua).
  5. I bulbi sono piantati con una spina dorsale, cosparsi di terra e compattati.
  6. L’accordo finale sarà abbondante (fino a 15 litri) di irrigazione con ulteriore pacciamatura. Il pozzo è coperto da uno strato di paglia che trattiene l’umidità.
Importante! Il terreno per la semina non dovrebbe essere situato vicino al pendio – l’accumulo di acqua piovana complicherà significativamente la coltivazione del giglio. Nella stagione delle piogge, il rizoma potrebbe morire completamente.

Cura della pianta

L’atterraggio del giglio della varietà “Marlene”, come potete vedere, non rappresenta alcuna difficoltà, ma per far sì che il fiore si stabilisca in piena terra è necessaria anche una cura stabile.
Lilia Marlene

irrigazione

La condizione principale è la regolarità. Nella calda estate, la pianta si inumidisce costantemente, versando un secchio d’acqua sotto la pianta ogni 2-3 giorni. È importante non esagerare, altrimenti il ​​rizoma si inumidisce eccessivamente e diventa vulnerabile alla decomposizione.

La “regola d’oro” di tutti i residenti estivi è che la terra non dovrebbe prosciugarsi. Non appena noti che il terreno inizia a essere preso da un nodulo, versa immediatamente un fiore. Naturalmente, non dovresti consentire la comparsa di crepe nello strato fertile: in questi casi, il bulbo rischia di asciugarsi.

Durante il periodo di fioritura, l’intensità dell’irrigazione è in qualche modo ridotta. Dopo di esso, l’intervallo tra le umidificazioni viene gradualmente aumentato al fine di fermarli del tutto entro la metà dell’autunno.

I gigli sembrano molto belli sullo sfondo di piante basse: Iberis, alissum, calendule, garofani da giardino, gewer. Tra cespugli di gigli si possono piantare astri, delphinium, camomille o gladioli.

allentamento

Quando il pacciame “di atterraggio” viene rimosso, i loop vengono allentati dopo ogni irrigazione. Questo è necessario – se si perde il momento, il rizoma soffoca nel terreno compatto.

Lo sai? Gli spagnoli con giglio italiano sono considerati un simbolo vivente della Vergine Maria. Nessun grande festival cattolico può fare a meno di grandi mazzi, in cui cercare di includere il maggior numero possibile di varietà.

Idealmente, questa manipolazione viene effettuata il giorno successivo dopo un’abbondante irrigazione. L’umidità sarà assorbita da questo momento, e il tridente stesso o una piccola ghiandola non scivoleranno nel fango.

A proposito, riguardo allo strumento. Raccogliendo “oggetti di scena” per allentare o diserbo, tieni a mente la profondità della lampadina. Per il materiale non particolarmente sepolto, il tridente è sicuro. Un sapa più “diffuso” con una lunga impugnatura e una lama larga può, se erroneamente oscillato, catturare il seme. È meglio usarlo per lavorare con rizomi che si trovano più in profondità di 15 cm.

Oltre all’allentamento, avrai anche bisogno di una pulizia regolare delle infestanti. Non farli sconti – anche alcuni piccoli fili d’erba possono diventare un problema per le fragili piantagioni. È meglio pulirli dopo l’irrigazione – “sul bagnato” puoi strappare anche le erbacce poco profonde.

Lilia Marlene

Concimazione aggiuntiva

Il ciclo stagionale di “ricostituzione” di questo fiore prevede tre principali applicazioni di fertilizzanti:

  1. La prima concimazione è fatta durante l’emergenza. Il “piatto” principale è composto di azoto. Devono essere complessi (la predominanza dei composti dell’ammoniaca funzionerà solo sulla massa verde).
  2. La formazione di gemme dà il segnale per l’introduzione della stessa complessa “acqua minerale” o composti organici. Di solito prende un verbasco liquido, mescolato con acqua in una proporzione di 1/10. Buoni risultati si ottengono usando humus e cenere di legno (100 g / m2).
  3. L’enfasi sulle miscele di potassio e fosforo è fatta “sotto la cortina” della fioritura, quando il giglio deve essere preparato per il rilascio dei fiori, mantenendo allo stesso tempo il ritmo della sua crescita.
Importante! Prima di piantare, le radici possono essere “rivestite” con composti insetticidi. Tra questi – BN-58, “Clorofos” e “Fosfamide” in concentrazione dello 0,1%.

Dopo la fioritura il fertilizzante non viene più introdotto.

trapianto

Per 4-5 anni dopo la semina, puoi vedere che lo stelo non cresce più e che i germogli sono meno. Questi segnali suggeriscono che il bulbo della madre è esaurito o circondato troppo da “grappoli” di figlia. Esci uno: cambia in una nuova posizione.

Il suo algoritmo sarà il seguente:

  1. Scavò i bulbi di caduta in caduta da terra e lavati.
  2. Quindi devono essere conservati in una soluzione debole di permanganato (circa mezz’ora).
  3. Permettendo che il materiale si asciughi, viene posto in uno strato denso di segatura o muschio.
  4. Un contenitore con tale “segnalibro” viene conservato in un luogo buio a una temperatura non superiore a 20 ° C.

Il processo di semina primaverile per i bulbi “età” sarà lo stesso dei giovani “colleghi” (con la differenza che il vecchio materiale dovrà essere piantato più in profondità).

riproduzione

Il suo schema è tradizionale e semplice – è familiare a tutti fissione del rizoma “Ai bambini”. Nel corso del suo sviluppo, il giglio della varietà popolare “Marlene” rilascia non tanti bulbi da figlia, quindi per garantire la ricezione di nuove piante per il prossimo anno, molte persone usano questa tecnica verso la fine di settembre.

Lo sai? Anche la mitologia scandinava non ha superato questo fiore. In molte immagini, Thor, il dio del tuono, tiene nella mano sinistra uno scettro coronato da un giglio.

Dopo aver scavato la radice in autunno, vedrai che tali “crescite” scompaiono da sole, il che rende il compito più facile. Anche se non si separassero immediatamente niente di terribile, con ulteriori lavori si occuperà di qualsiasi:

  1. Dividere delicatamente i bambini con un coltello.
  2. Assicurati di pulirli da terra e lasciare asciugare.
  3. Valuta lo stato. Se le macchie sono visibili sulla bilancia, rimuovere immediatamente la copertura infetta – questo è un ambiente favorevole per le malattie fungine.
  4. Quindi rimuovere le radici morte. Zhivenkie se ne va, mantenendo un massimo di 15 cm.
  5. Il materiale così raccolto è “vestito” con permanganato di potassio e asciugato ancora una volta.
  6. Alla fine le lampadine sono ordinate per dimensione. Il più piccolo tenta di far apparire immediatamente le dimensioni di un “bubka” adulto. Per fare questo, sono cresciuti su un letto separato in una serra o in vaso. Se non c’è tempo per questo, possono semplicemente essere “avvolti” nella segatura e lasciati per l’inverno in un luogo fresco e buio.

Lilia Marlene

Nel primo anno dopo la semina, il “giovane” non fiorirà, ma durante la stagione la pianta sarà completamente rinforzata.

Importante! Fai molta attenzione: anche i colpi più forti sono facili da rompere.

Un altro metodo efficace, ma non troppo popolare – riproduzione da bilance. Se guardi da vicino, puoi vedere che questo è anche un modo molto semplice:

  1. All’inizio di aprile viene presa una lampadina per adulti. Diverse scale vengono rimosse da esso. “Donor” non viene buttato fuori, ma messo in una pentola con un ulteriore trapianto nel terreno.
  2. Le bilance interferiscono con la segatura (1/4), ma prima di questo, entrambe le miscele “ingrediente” vengono trasformate in una soluzione leggera di permanganato (fino a 0,3 g per 1 litro di acqua) e un po ‘essiccate.
  3. Tutto il pezzo è imballato in una borsa. È chiuso e messo in un angolo con una temperatura di 18-20 ° C. Se necessario, il terreno viene spruzzato.
  4. Dopo 12-14 giorni, la bilancia “batte” i bulbi con piccole radici. Dopo aver lasciato crescere i bambini fino a 1 cm, vengono accuratamente trasferiti in una cassetta o una scatola di cartone riempita con un substrato basso (circa 5 cm).
  5. Per tutto questo tempo vengono annaffiati e il terreno viene sciolto con un bastone. La lampadina può venire in superficie – è spruzzata.
  6. Entro la metà di giugno, tali alberelli possono essere “spostati” in un sito aperto.

Lilia Marlene

Preparare il giglio “Marlene” per l’inverno

In autunno, quando l’annaffiatura è già stata interrotta, i gambi diventano bruscamente gialli. Tagliare i processi di sbiadimento non correre – il metabolismo tra il peduncolo e le radici continua fino a quando la radice completamente si asciuga. E solo dopo che è stato interrotto.

Dopo questo “smantellamento” sarà abbastanza buono coprire la parte rimanente del terreno con un film, avendo realizzato in esso un piccolo foro per la ventilazione. In questo c’è una ragione: sotto la radice non si accumula l’umidità, che durante le gelate può rovinarla.

Lo sai? Nella cultura dell’Antico Egitto, l’immagine del giglio non ha avuto un’interpretazione permanente. Il fiore potrebbe agire contemporaneamente come simbolo di pulizia e tempo fugace, speranza e libertà.

Con l’inizio del freddo, la pellicola protettiva viene rimossa, il “marlen” rimane freddo. Per aiutarli in questo, il buco è coperto da uno spesso strato di pacciame (almeno 10 cm). Come copertura, fogliame, che ha soffiato pus o segatura, è adatto. Ma il modo migliore è mantenere il calore del lapnik, formato da rami di conifere.

Malattie e parassiti

Dal loro aspetto, sfortunatamente, nessun fiorista è immune. Ogorodnikam a questo proposito un po ‘più difficile – il quartiere del giglio con piantagioni di ortaggi aumenta il rischio di infezione.

Ma non disperare – in tempo a scoprire malattia, puoi rapidamente eliminare la causa. Molto spesso i fiori soffrono di:

  1. Marciume grigio. Con tempo freddo, possono apparire macchie brune sulle foglie e sulla metà inferiore degli steli. In modo che non passino ai boccioli, utilizzare fungicidi come “Homa” (40 grammi per 10 litri di acqua). Se necessario, il trattamento viene ripetuto dopo una settimana. Popolare nella nostra regione 1% fluido di Bordeaux è meglio non prendere – il minimo controllo con una dose di germoglio “dobet”.
  2. Rust. Le foglie affette vengono rimosse e la pianta stessa viene trattata con “Phytosporin” (1,5 g di polvere vengono aggiunti a 1 litro di acqua).
  3. Fusarium (marciume bulboso). Curare un “bobochku” affetto sul terreno aperto non è realistico, quindi, prima della semina, viene eseguito il suo trattamento preventivo con il preparato “Fundazol” (per 2 ore viene posto in 10 l di acqua con l’aggiunta di 2 g della composizione).

Durante la vegetazione, il terreno può essere irrigato con la stessa “Fitosporina”. Dà l’effetto e spruzzando – per prevenzione in 2 litri d’acqua è aggiunto ½ cucchiaino del farmaco.

Importante! Leggere attentamente le istruzioni – il dosaggio per i fiori “estate” e “in vaso” della stessa specie può variare in modo significativo.

Non dimenticare sabotatori, il principale dei quali rimane vari acari. Sono eliminati da forti insetticidi. Tra questi ci sono “Fitoverm” – fiale in 4 ml sono sufficienti per 1 litro di acqua. 2-3 ripetizioni “approcci” sono permessi con un intervallo di 8-9 giorni. Non male e “Actellik”: 2 ml per 2 litri di acqua – e il problema è risolto (i gigli delicati necessitano solo di una spruzzatura).
Lilia Marlene

Le “incursioni” di coleotteri color lilla, wireworms e orsi cesseranno dopo essere state spruzzate con “Fufanon”. È venduto in fiale da 2 e 6,5 mg. Questa quantità è sufficiente per la miscela con 1,5 e 5 litri di acqua, rispettivamente. Nelle lesioni gravi, è consentito il ritrattamento.

Ora conosci l’interessante giglio della varietà “Marlene” e come coltivarlo in campagna. Speriamo che dopo un po ‘vedrai ancora i cento preziosi fiori sulle piante piantate. Che ogni giorno sia luminoso!