I punti principali della corretta alimentazione delle quaglie

Nutrire le quaglie

Tutti gli allevatori di pollame che hanno deciso di allevare quaglie dovrebbero essere consapevoli che la cosa principale nel loro allevamento è la corretta alimentazione degli uccelli.

Se tutto è fatto correttamente, otterrai un grande successo.

Principalmente in violazione della salute del pollame è una malnutrizione.

Tra gli allevatori di pollame c’è molto disaccordo sull’alimentazione delle quaglie.

Sulle caratteristiche, la dieta e tutte le vitamine necessarie necessarie per la quaglia parleremo in questo articolo.

Caratteristiche delle quaglie alimentari

Gli uccelli possono mangiare cibi diversi. La principale condizione del loro nutrimento è la freschezza del mangime, senza additivi. Il cibo secco può essere aggiunto come alimento di riserva.

Un diverso tipo di cibo umido dovrebbe essere nelle vasche non più di due ore dal momento della posa, se non si osserva questa condizione, quindi la quaglia può essere avvelenata da cibo vecchio.

Inoltre, il cibo umido deve essere miscelato con qualsiasi groppa, in modo da renderlo più friabile. Il cibo di consistenza simile all’impasto non è adatto per l’alimentazione degli uccelli.

L’opzione migliore per l’alimentazione di questi uccelli sarà nutrita per uccelli di strati. Gli allevatori di pollame raccomandano questo cibo di più.

La seconda opzione per l’alimentazione delle quaglie sarà il mangime misto per i polli da carne, sebbene sia leggermente peggio. Approssimativamente un uccello avrà bisogno di circa un chilogrammo al mese.

Se preferisci nutrire gli uccelli con foraggi fatti da sé, poi devono contenere cereali schiacciati (farina d’avena, semolino, piantine di riso e altri), pane macinato di pane bianco (ma a volte si possono aggiungere briciole di pane nero), oltre a prodotti contenenti proteine ​​e vitamine utili.

Di tutta la dieta, un quinto della proteina dovrebbe essere costituito. I seguenti prodotti possono servire come proteine: carne cotta, farina di carne, pesce bollito, farina di pesce, uova sode o uova in polvere, latticini, ricotta o latte secco. Anche come proteina può essere aggiunta la nutrizione di pesce: larve, hamarus essiccato e altri.

Componenti della vitamina nella dieta delle quaglie

La dieta deve includere vitamine e minerali

Come componente vitaminica nella razione di quaglia si possono alimentare miscele già pronte per quaglie e galline ovaiole, che possono essere acquistate presso negozi di animali o altri luoghi di vendita di mangimi misti.

Come alimentare le vitamine agli uccelli sarà indicato nelle istruzioni. Ma succede che non ci sono opportunità di comprare vitamine e minerali per gli uccelli, quindi è possibile acquistare i multivitaminici ordinari nelle farmacie, che devono essere sminuzzati e aggiunti al solito cibo.

Con l’uso costante di multivitaminici, tutti uguali di volta in volta nel cibo delle quaglie bisogna aggiungere la vitamina D. Un uccello ha bisogno di un consumo giornaliero di D2 (ergocalciferolo) di circa 3000 UI o D3 (colicalciferolo) di circa 100 UI.

Gli uccelli hanno bisogno non solo di integratori vitaminici, ma anche di minerali. Per le sostanze minerali, è preferibile creare un alimentatore separato. In questa depressione ci dovrebbe sempre essere un guscio d’uovo.

Oltre al guscio d’uovo, è possibile riempire le conchiglie macinate, la scuola o il foraggio speciale e aggiungere ghiaia fine con una frazione di 2-3 millimetri.

Se si quaglia vivono insieme con un pappagallo o un altro uccello decorativo, possono mangiare con loro grano. Si dovrebbe garantire che non ci sia aggiunta avena.

Se l’uccello mangia avena non sbucciata, presto potrebbe avere problemi con il tratto gastrointestinale e poi morire completamente. Il miglior integratore per la nutrizione delle quaglie è il miglio rosso.

Le quaglie adorano la vegetazione fresca: mokritsa, pino, avena germogliata e altra erba tritata finemente. Gli uccelli saranno molto contenti di carote grattugiate e mele mature. Ma non hai bisogno di sovralimentarti con erbe e frutta, altrimenti finirai con uova di piccole dimensioni, o anche gli uccelli smetteranno di correre.

Tutte le quaglie di cibo dovrebbero essere bilanciate, solo in questo scenario l’uccello ti accontenterà e sarà sano.

Quale dovrebbe essere il regime di nutrire le quaglie?

Il regime corretto per l’alimentazione degli uccelli è di tre pasti al giorno o quattro pasti al giorno. È meglio quando il cibo viene dato loro nello stesso momento della giornata. Per fare questo, è necessario distribuire il cibo in modo uniforme.

Le quaglie adulte hanno bisogno della ricevuta giornaliera di proteine ​​grezze nella dieta. È necessario monitorare questo ogni giorno. Se c’è troppa proteina o un po ‘troppo turnover, questo può influenzare le uova che sono state depositate: o non saranno sufficienti o saranno troppo piccole.

Una quantità insufficiente di proteine ​​nel mangime può ridurre la deposizione delle uova delle femmine, causando la fissurazione. E l’eccesso di proteine ​​nella dieta aumenta la possibilità della comparsa di due tuorli nell’uovo.

La melanzana degli uccelli può cadere dall'eccesso di cibo

Se un lungo periodo di tempo vi è una violazione dello scambio di proteine ​​nel corpo dell’uccello, questo può influire sulla sua salute.

Il solito mangime contiene una piccola quantità di proteine. Pertanto, ad ogni alimentazione in mangime misto dovrebbero essere aggiunti prodotti contenenti proteine ​​(fiocchi di latte, pesce e altri), in quantità di circa due grammi per quaglia.

Se nutrite i vostri uccelli con miscele di cereali, la quantità di proteine ​​dovrebbe essere aumentata a dodici grammi per quaglia per adulto al giorno. Le femmine, che non hanno più fretta, in vista della loro vecchiaia, hanno bisogno di un minor consumo di proteine. Il pollame ha bisogno dell’aggiunta di proteine ​​nel mangime più delle quaglie selvatiche.

Il mangime vitaminico dovrebbe essere somministrato agli uccelli, più è, meglio è.

La maggior parte della dieta, circa il quaranta percento, deve essere somministrata all’ultimo pasto per un giorno, specialmente per le miscele di cereali, poiché è più lento da digerire e gli uccelli non avranno fame tutta la notte.

Le galline di quaglia sono meglio lasciate un po ‘di fame, quindi avranno una maggiore produzione di uova. Ma alcuni allevatori di pollame credono che il cibo nelle mangiatoie debba essere tenuto costantemente.

Gli alimentatori costantemente pieni possono portare a uno stato di uccelli pigro, e ancora di più all’obesità. Ciò porta successivamente ad una diminuzione della produzione di uova e ad un aumento del consumo di cibo da parte degli uccelli.

Nelle grandi allevamenti di pollame, le quaglie sono alimentate da alimentatori di bunker. In tali mangiatoie, l’alimentazione viene aggiunta in base al tasso giornaliero di assunzione di cibo da parte dell’uccello.

È anche interessante leggere di costruire una gabbia per quaglia con le proprie mani

Cosa dovrei cercare quando nutro la quaglia?

Per sottolineare la vostra attenzione quando si nutrono gli uccelli è necessario, soprattutto, il contenuto ottimale di aminoacidi nella dieta, come: lisina, metionina, cistina, triptofano. Questi componenti sono anche chiamati limitanti, perché la quantità di questi amminoacidi determina la necessità degli amminoacidi rimanenti.

Se l’uccello non consuma abbastanza di almeno uno di questi componenti, colpisce immediatamente la sua produttività, così come la crescita e lo sviluppo delle quaglie.

La lisina fornisce una rapida crescita di giovani animali, un buon piumaggio, normalizza lo scambio di azoto nel corpo, rafforza le ossa degli uccelli ed è anche necessario per la sintesi delle nucleoproteine.

Se c’è carenza di lisina, ciò influenza immediatamente la crescita degli uccelli e la produttività, i muscoli diventano più piccoli, il calcio è meno depositato, le piume diventano molto secche e fragili, influisce poco sulla spermatogenesi. Ridotti livelli ematici di globuli rossi ed emoglobina.

L’eccesso di lisina può avere un effetto tossico sugli uccelli. I mangimi di origine vegetale contengono una piccolissima quantità di lisina e il mangime di origine animale è esattamente l’opposto.

La metionina influenza la crescita e lo sviluppo dei giovani uccelli, si riferisce alla fonte di zolfo per il corpo dell’uccello, con l’aiuto della metionina ci sono reazioni di riduzione dell’ossidazione nel corpo.

La metionina è uno dei partecipanti alla formazione di serina, creatina, cistina, colina, che occupano i ruoli principali nel metabolismo nel corpo. La metionina controlla il metabolismo dei grassi nel fegato, cioè rimuove il grasso in eccesso da esso.

La cistina è importante per l'uccello, in quanto prende parte alla formazione delle piume

Questo amminoacido è anche necessario per la formazione di piume nelle quaglie. La mancanza di metionina nell’alimentazione degli uccelli comporta le seguenti conseguenze: bassa crescita di giovani animali, mancanza di appetito, anemia. Se le quaglie vengono coltivate per produrre carne, aumenta la domanda di questo amminoacido.

La cistina è necessaria per la formazione di penne nelle quaglie, partecipa al metabolismo dei carboidrati, alle reazioni di ossidoriduzione, alla sintesi di cheratina, insulina e cistina è un amminoacido neutralizzante quando il pollame entra in sostanze tossiche e cancerogene.

Questo amminoacido, come altri, è molto importante per il corpo delle quaglie. La sua fonte può essere la metionina. Con un basso contenuto di cistina nel corpo di un uccello, non ci può essere resistenza alle malattie infettive, può verificarsi cirrosi, le piume possono crescere male.

Il triptofano è necessario per una buona crescita e sviluppo dell’uccello, nonché per la loro riproduzione. L’amminoacido è necessario per regolare la pressione sanguigna, la normale crescita delle piume, la sintesi dell’emoglobina e contrastare lo sviluppo della pellagra.

La quaglia ha bisogno di triptofano meno degli altri aminoacidi, poiché può essere sostituita con acido nicotinico (ad esempio: lievito). Il triptofano partecipa allo sviluppo dell’embrione e alla fecondazione.

Se questo aminoacido è carente, si può sviluppare una rapida perdita di peso dell’uccello, atrofia delle ghiandole endocrine, anemia, scarsa qualità del sangue, diminuzione dell’immunità.

L’arginina ha un effetto sul tasso di crescita delle piume, sull’aggiunta del peso corporeo, prende parte allo scambio di proteine ​​cellulari intranucleari, alla spermatogenesi e al metabolismo dei carboidrati. L’arginina è un amminoacido che si forma nel corpo creatina e creatinina, che sono necessari per il corretto metabolismo nel corpo dell’uccello.

Con una piccola quantità di arginina nel corpo, l’appetito diminuisce negli uccelli, la produzione di uova diminuisce e la crescita si riduce.

Il bisogno di leucina è il corretto metabolismo. Quantità insufficienti di questo amminoacido possono causare perdita di appetito, arresto della crescita e sviluppo dell’uccello, scarso metabolismo dell’azoto.

Affinché il sistema nervoso dell’uccello funzioni normalmente, è necessaria la valina. Con la sua mancanza di appetito, la perdita di coordinazione di movimenti, la sospensione di crescita di animali giovani diminuisce.

L’istidina è necessaria per migliorare la crescita e lo sviluppo degli uccelli, nonché per regolare il metabolismo. La sua carenza può causare una diminuzione della crescita, perdita di peso e una diminuzione dell’appetito.

La glicina è necessaria per la crescita del pollame, la formazione di tessuto cartilagineo, ed è anche necessaria per neutralizzare alcune sostanze tossiche. Questo amminoacido è meglio aggiunto al pasto, il mais, che influenzerà quindi la buona crescita dell’uccello.

La fenilalanina è un componente necessario nel sangue e nella formazione degli ormoni. Quando c’è una carenza di fenilalanina, le ghiandole endocrine non funzionano bene e il peso dell’uccello diminuisce.
È importante sapere che alcuni aminoacidi possono essere compensati a scapito di altri.

Quando si compila una dieta per il proprio uccello, è necessario tenere conto del rapporto degli aminoacidi, in quanto l’eccesso o la carenza di alcuni di essi può inibire lo scambio di altri aminoacidi, nonché una diminuzione della sintesi delle proteine.

Anche nel cibo deve necessariamente includere i grassi

Con l’assunzione insufficiente di carboidrati e grassi, le proteine ​​vengono utilizzate nel corpo per generare calore e depositare grasso.

Se l’uccello inizia a ingrassare, significa che non ci sono abbastanza proteine ​​nel suo corpo. Il mangime proteico è il più costoso, quindi il suo uso non è redditizio per gli allevatori di pollame e talvolta è dannoso per le quaglie.

Per aumentare la proteina nella miscela di mangime, è possibile aggiungere grasso tecnico o fosfatidi.

I carboidrati sono il costituente principale nella nutrizione delle quaglie. I carboidrati svolgono molti ruoli diversi nel corpo degli uccelli. Sono necessari per ripristinare l’energia. Con una carenza di carboidrati, c’è debolezza, perdita di appetito, diminuzione della temperatura corporea. I carboidrati sono contenuti nei mangimi per cereali.

I grassi svolgono anche un ruolo importante nel corpo delle quaglie, servono come fonte di energia. Nel periodo di tempo freddo, i grassi sono necessari per mantenere una temperatura normale nel corpo dell’uccello.

Se i grassi nel corpo dell’uccello si formano a scapito dei carboidrati, la sua composizione è identica al grasso convenzionale nel negozio corpo quaglie grasso, inusuale per questo tipo di composizione, e in questo modo grasso che l’uccello ottenuto insieme con il cibo.

Qui, per esempio se le quaglie danno un sacco di farina di pesce, poi più tardi la loro carne può avere un cattivo gusto. I grassi vegetali sono costituiti da acidi grassi insaturi (come: linoleico, linolenico e arachidonico), che non possono essere sintetizzati dall’uccello.

Questi acidi, come alcune vitamine, riducono il colesterolo nel sangue, riducono il rischio di stringere i vasi sanguigni. Devono essere necessariamente al foraggio di quaglie, con la loro mancanza o assenza negli uccelli, la crescita e lo sviluppo sono inibiti.

È noto che i migliori indicatori per la crescita delle quaglie per la carne si ottengono aggiungendo alla loro alimentazione i prodotti a base di soia o altri alimenti che contengono questi acidi grassi. Quaglia fino a quattordici giorni può essere somministrato fino al 3% di grasso.

Nei mangimi per galline ovaiole si dovrebbe contenere tra il tre e il quattro per cento del grasso e quelle quaglie che vengono coltivate per produrre carne, danno fino al cinque percento di grasso.

Ma è necessario assicurarsi che non ci sia troppo grasso nella poppa dell’uccello, perché la sua sovrabbondanza può causare malattie al fegato o addirittura la morte delle quaglie. Va notato che nei mangimi acquistati non è indicato il contenuto di carboidrati e grassi, la confezione indica l’intero valore energetico del mangime.

Le sostanze minerali sono necessarie per mantenere la vita normale dell’uccello. Queste sostanze svolgono un ruolo importante nella regolazione della nutrizione delle cellule, in vari metabolismi nel corpo di un uccello. I minerali sono necessari per la formazione del guscio.

Le quaglie sono molto sensibili a una carenza di minerali e oligoelementi, perché crescono molto velocemente, hanno un metabolismo veloce e gli uccelli hanno un’elevata capacità di deposizione delle uova.

Cosa non si può nutrire di quaglie?

Gli uccelli non possono essere nutriti con pomodori, patate, sedano, latte e prezzemolo.

Ed inoltre è impossibile dar loro da mangiare verdi e bacche di raccolti di nightshade, acetosa, verdi e granelli di grano saraceno, grano di segale e lupino.