Pianta della famiglia Zucca del genere Cetriolo, ovvero cosa è il melone

melone
Il melone ordinario si riferisce alla famiglia di zucca, mentre è incluso nel genere dei cetrioli. Ha cominciato a crescere diversi millenni fa, quando i frutti non erano ancora grandi e dolci come nelle varietà moderne. Nonostante questo, molti ancora sostengono, come correttamente chiamare questa coltura agricola: una verdura, un frutto o, forse, una bacca?

Storia del melone

Per la prima volta gli egiziani menzionarono il melone, raffigurandone i frutti nei loro disegni. L’età di tali immagini è di circa 5-6 mila anni. Per determinare il luogo di nascita di questa cultura, dovresti prestare attenzione a quelle regioni in cui puoi trovare il maggior numero di forme correlate del feto moderno. Questa pianta è più adatta per la coltivazione nelle regioni dell’Africa settentrionale e nel nord-ovest dell’India.

Leggi le regole di impianto e le caratteristiche di cura per i meloni.

In un ambiente naturale, non è stato possibile rilevare i parenti diretti delle varietà moderne di melone. Ci sono aree in cui è possibile vedere rappresentanti semi-coltivati ​​e selvatici di questo genere, che sono molto meno dei soliti meloni e hanno un sapore più simile ai cetrioli, dal momento che contengono un bel po ‘di zucchero.
melone
Gli scienziati sono dell’opinione che il luogo di nascita del frutto dovrebbe essere chiamato quelle aree in cui il melone crebbe nella forma che è conosciuta oggi. Queste regioni comprendono l’Afghanistan, l’Iran e l’Asia centrale e inferiore, paesi che si trovano nelle vicinanze dell’Africa e dell’India. È qui che per centinaia di anni le persone hanno coltivato un melone e coltivarlo lì fino ad oggi. Oggi sono conosciute almeno 113 varietà locali, molto rare, e circa 38 varietà distrettuali. Nel nostro paese, campioni di questo gustoso e succoso frutto furono portati dall’India nel 1926.

Lo sai? Nel Guinness dei primati fu registrato un melone che pesava 118 chilogrammi. Hanno sollevato il primatista negli Stati Uniti nel 1985. Tuttavia, già nel 2009, i media riportarono che un residente dell’Australia aveva allevato un melone del peso di 447,5 kg, quindi il precedente record fu rotto con un botto.

Un frutto – 2 punti di vista

Molti sono ancora interessati alla domanda: come chiamare correttamente questa cultura esotica – una verdura o un frutto e, forse, una bacca? Di solito le persone sono abituate a chiamare frutti quei frutti che hanno un sapore dolce e possono essere usati per preparare insalate dolci, dessert e torte. Le verdure, in termini generali, sono quei frutti, il cui sapore non ha dolcezza. Ma una tale teoria funziona nel caso di un melone?

Il melone può essere consumato non solo in forma grezza, ma anche ricavandone degli spazi vuoti per l’inverno.

Punto di vista culinario

Dal punto di vista della cottura, i frutti sono chiamati quei frutti che sono adatti per mangiare e crescere su alberi o arbusti. Se segui questa affermazione, allora il melone non può essere chiamato.
melone

I frutti che sono adatti al cibo, ma crescono sotto forma di erba, sono chiamati ortaggi. La connessione del melone con tali colture nel suo complesso è confermata, perché il parente più prossimo è un cetriolo. Specialisti culinari spesso chiamano un melone un ortaggio da dessert, spiegando in tal modo il suo sapore dolce e il suo gusto ricco. In Giappone, ad esempio, hanno imparato a coltivare varietà, i cui frutti contengono poco zucchero, sono usati come verdure.

Un ibrido ottenuto incrociando un cetriolo e un melone è chiamato zucca.

Le bacche sono solitamente chiamate frutti succulenti di media grandezza, che vengono coltivati ​​su cespugli e alberi. E in questo caso, nonostante l’atipico per bacche di grandi dimensioni, i frutti di melone sono attribuiti a loro.

Si ritiene che una quantità così grande di meloni sia stata ottenuta a seguito dell’intervento umano nel processo di crescita della cultura. Inoltre, in un ambiente naturale ancora oggi è possibile trovare un melone, i cui frutti sono molto piccoli – non più di una normale prugna. E molti sono inclini a credere che siano proprio questi frutti di questa cultura che erano nella loro forma originale, finché la persona non ha messo la mano su di loro.
Melone in campo aperto
Ma questo melone non può essere definito una bacca normale. I frutti sono chiamati tykviny o falso frutto. Le caratteristiche principali che contraddistinguono questa coltura sono la presenza di un gran numero di semi, pericarpo succoso, nonché buccia densa e spessa.

Il punto di vista dei nerd

Per quanto riguarda la botanica, può essere chiamata “vegetale” come foglie e steli (per esempio, spinaci o zenzero) e radici (carote) e persino boccioli di fiori (cavolfiore).

Inoltre, un frutto può essere chiamato un vegetale, in base al quale una parte della cultura vegetale, che è formata da un fiore, è una parte del deposito per i semi. Questo è un baccello, un dado, una scatola, un grano, ecc.

Tra i frutti succosi si possono notare bacche, drupe, mela e tykvu. Cioè, se espandi una tale definizione botanica, puoi giungere alla conclusione che un vegetale è una parte succosa di una pianta adatta per mangiare. Queste sono radici e germogli, foglie e bulbi, persino infiorescenze. E dato il fatto che i frutti di melone sono di zucca, quindi secondo la botanica, può essere chiamato un vegetale.
melone
I frutti, dal punto di vista della botanica, sono considerati frutti adatti per il consumo, sono formati dall’ovaio, sono spesso angiosperme e crescono su un cespuglio o un albero. Sono anche divisi in diversi grandi gruppi, che includono frutta secca (piselli, noci), con un osso grande e polpa succosa (prugna, pesca) e polpa succosa e semi (cetriolo, arancia, mela, melone). Così si scopre che il melone cade simultaneamente in entrambe le categorie, diventando un rappresentante di entrambe le verdure e frutta. Questo è il motivo per cui le opinioni su questo argomento sono ancora in disaccordo.

Riassumiamo: frutta, bacche o verdure

Se decidi tra frutta e verdura difficile, allora cosa puoi dire delle bacche? Qui la domanda è ancora più complicata, perché, secondo la definizione botanica, il melone è effettivamente considerato una bacca, sebbene esteriormente questo frutto non assomigli affatto alle solite bacche.

Il motivo di questa definizione sta nel fatto che la bacca in botanica è un frutto che ha una polpa succosa, coperta da una conchiglia, e al suo interno è un osso. Dovrebbe essere formato dall’ovaio, ma può apparire praticamente da qualsiasi parte del fiore, come, per esempio, una fragola formata da una radice di fiore. È questo sviluppo che fa sì che il feto sia chiamato una falsa bacca.

Il melone, come un cetriolo, che non è solo un vegetale, è molto simile nella sua struttura generale alle bacche. Ma il suo frutto è diverso in quanto contiene una quantità molto maggiore di semi all’interno e ha anche un pericarpo. Da tutto ciò segue che la cultura in discussione può ancora essere attribuita a bacche false.
melone

Lo sai?
Melon Yubari King è il più costoso al mondo. Coltiva tali frutti solo in una delle regioni del Giappone. È il più succoso e dolce delle varietà conosciute fino ad oggi, e la sua carne è straordinariamente tenera. È interessante che vendono tali frutti solo nelle aste e possono costare fino a 20 mila dollari. per una coppia

Applicazione e uso del melone

Chi ha provato il melone, a lungo, ricorderà il suo gusto delicato e il suo aroma gradevole. In questo caso, non molti presteranno attenzione al fatto che assaggiarlo in remoto può somigliare non solo a una zucca, ma anche a un cetriolo. Le proprietà utili di un tale prodotto sono basate sulla sua composizione chimica, che è estremamente ricca di meloni. Contiene un gran numero di antiossidanti e immunomodulatori. Tra i componenti si trovano acido ascorbico e folico, vitamine A, E e quasi tutto il gruppo B, acidi organici e complesso di aminoacidi. Inoltre è impossibile non ricordare la presenza di zinco, fosforo, manganese, iodio, potassio, ferro e altri elementi nei frutti.

Non c’è da meravigliarsi se le persone hanno imparato a utilizzare questa fonte di sostanze utili nella loro vita quotidiana non solo come un pasto delizioso, ma anche in medicina e cosmetologia.
melone

Nella medicina popolare

Il melone è ampiamente usato nella medicina popolare e in Cina nella medicina tradizionale. È in grado di affrontare i processi infiammatori nel sistema genito-urinario, aiuta a liberarsi dell’edema, migliora la condizione del raffreddore e ha anche un leggero effetto lassativo sull’intestino.

Coloro che mangiano periodicamente almeno una fetta di melone, soffrono molto meno dalle malattie cardiovascolari, nonché dalle malattie dell’apparato digerente e renale. Tra le altre cose, Il melone può stimolare l’attività cerebrale, perché contiene carboidrati. Aiuta anche a calmare il sistema nervoso, rimuovere l’irritabilità e stabilire il sonno.

I dessert, che sono preparati sulla base della polpa di melone, sono raccomandati per l’uso da parte delle donne nella situazione. Il fatto è che la polpa contiene acido folico, che ha un effetto benefico sulla corretta formazione della placenta. Inoltre, come infusi e decotti di salute, si usano bevande fatte sulla base di meloni, o i semi di tale frutto sono essiccati e macinati in una massa simile alla polvere.
Dessert al melone

Importante! In una forma germogliata, i semi di zucca non possono essere usati, perché non sono solo amari e non gustosi, ma anche tossici.

In cosmetologia

Per scopi cosmetici, la cultura vegetale in questione viene utilizzata non meno frequentemente. Ci sono un sacco di maschere e composizioni naturali per gli involucri basati su questo frutto, che funzionano perfettamente sia sulla pelle che sui capelli. La pelle diventa più liscia e luminosa, le eruzioni cutanee e le infiammazioni scompaiono. I capelli dopo tali maschere acquistano lucentezza, e anche la loro struttura migliora.
Maschera di melone
Ancora è possibile fare maschere per mani e unghie su base di melone. Hai solo bisogno di riempire l’acqua bollita con un cucchiaio di semi, poi bollirli per tre minuti su un piccolo fuoco. Tale decotto rimarrà filtrato e raffreddato, dopo di che può essere usato. La pelle delle mani diventa tenera e vellutata e le unghie sono più forti e più sane.

Scopri quali malattie nella medicina popolare applicano il melone.

In dietetica

Il melone calorico nella sua forma grezza ha solo 35 chilocalorie per 100 grammi. Questo è un indicatore molto basso, quindi è adatto anche a coloro che stanno cercando di perdere peso. Ma è necessario ricordare che questo prodotto può causare un aumento dell’appetito.

C’è anche un mono-dieta a base di melone, anche molte ragazze praticano giorni di digiuno il melone non includono questo frutto nella dieta diete bacca-frutta. Ma il melone essiccato non deve essere portato via: 100 grammi di prodotto contengono 341 chilocalorie.

Importante! Nonostante molte qualità positive, l’uso del melone come ingrediente principale nella dieta è permesso non più di 3 giorni.

In cucina

Il melone viene consumato non solo in forma cruda, ma anche in essiccato e essiccato. Inoltre è usato come ingrediente per una varietà di insalate, ad esempio, è abbastanza interessante che questo prodotto sia abbinato al formaggio. Tra l’altro, da un frutto così gustoso e succoso, a molti piace preparare marmellate, marmellate e marmellate. Fa anche parte di una varietà di deliziosi cocktail, sia analcolici che alcolici.

Scopri i migliori gradi di meloni per il tuo tavolo.

Melone essiccato
Quando si utilizza tale trattamento in una forma grezza, è necessario ricordare che non è necessario raffreddarlo prima di servire. Il feto deve essere a temperatura ambiente. Inizialmente, dovrebbe essere sbucciato e sbucciato e quindi tagliato a fette.

Ti consigliamo di imparare come fare un melone secco a casa.

Questo prodotto ha guadagnato una straordinaria popolarità tra i residenti di molti paesi, il che non sorprende, perché le caratteristiche gustative di un tale frutto non lasciano indifferenti. E può giustamente essere definito un magazzino di vitamine. La chiave per la buona salute, la lunga giovinezza e la bellezza sta nell’uso dei meloni con moderazione.